Pensiero della sera

Ama,

ama follemente,

ama per quanto riesci ad amare

e si ti verrà detto che è male,

ama il tuo male e sarai innocente.

(W. Shakespeare)

Annunci

Su Trenord non si mangia

“Su Trenord non si mangiano le chiacchiere, signorina…” mi guarda strano il Controllore

“Ma Controllore… sono arrivata in stazione e ne avevo una voglia matta… sai quelle col cioccolato sopra… ho saltato anche il pranzo…” dico io affranta.

Si è vero ho fatto un casino terribile: il cappotto nero è un ricettacolo di briciole e tutt’attorno, per terra, uno sbriciolamento terribile di chiacchiere.

Una bambina, un disastro… e, chiacchiere finite…

“Signor Controllore lo vuole l’ultimo pezzettino? ” dico io sbattendo le ciglia.

Magari si impietosisce…

Niente da fare… non lo vuole…

“Vede Controllore, sono bravissima. Oggi ho anche le scarpe Emilio Pucci tacco 16…” aggiungo io suadente…

“È una vergogna… mangiare chiacchiere e sbriciolare cosi ovunque… una signora così elegante…” dice e se ne va.

Non mi ha chiesto neanche il titolo di viaggio…

E io rimango li tutta sbriciolata col tesserino in mano.

Una volta che lo avevo…

E allora guardo i pendolari seri, quelli non sbriciolati e con il titolo di viaggio convalidato…

Tutta colpa delle chiacchiere e del carnevale.

 

Segnali

IMG_755218387925400

Io credo ai segnali. Quello che abbiamo bisogno di apprendere è sempre davanti ai nostri occhi; è sufficiente guardarsi intorno con deferenza e attenzione per scoprire dove Dio vuole condurci e quale sia il passo migliore da compiere nel minuto successivo. Ho imparato a rispettare il mistero. Come diceva Einstein: “Dio non gioca a dadi con l’universo”, tutto è collegato e ha un senso. Benché esso risulti occulto per gran parte del tempo, noi sappiamo di essere prossimi alla nostra vera missione sulla terra quando ciò che stiamo facendo è permeato dall’energia dell’entusiasmo. Se lo è,  tutto va bene. Se non lo è,  conviene cambiare rotta. Quando siamo sulla strada giusta, seguiamo i segnali e, se ci capita di fare un passo falso, ecco che la divinità ci viene in aiuto, evitandoci di commettere un errore. (P. Coelho)

 

 

Oroscopo Acquario 29 gennaio-4 febbraio (by Internazionale – Rob Brezsny)

Nel 1899 il re dello Swaziland morì durante una danza. Il suo unico figlio, Sobhuza,  fu incoronato suo successore anche se aveva solo quattro mesi. Ci volle molto tempo prima che il nuovo re imparasse a comportarsi da sovrano. Ma alla fine mostrò un’ottima predisposizione per quel compito è governò fino alla morte, a 83 anni. Sento che hai qualcosa in comune con Sobhuza, Acquario. Potresti disporre di nuovi poteri prima di essere veramente pronto ad esercitarli.  Ma sono sicuro che alla fine ti dimostrerai all’altezza della situazione.

Allora… una cosa è certa… mi piacerebbe disporre di nuovi poteri…

Ad esempio:

. Il potere di non avere bisogno di dormire perché quelle cinque ore mi servono

. Il potere di riuscire a sopportare gli imbecilli con pazienza

. Il potere di far partire ed arrivare Trenord in orario

. Il potere di mangiare qualunque cosa senza ingrassare

poi non faccio la schizzinosa e va bene qualunque potere o superpotere mi venga attribuito…

Anima gemella – Key questions

Finito.

Stop.

Fatti tutti e 15 i punti.

Chi c’è… c’è… e se qualcuno è interessato si faccia avanti perché è arrivato il momento della “rosa dei candidati”.

Dunque, esiste tra costoro la persona intelligente, di pensiero, un pochino folle e soprattutto all’altezza del mio cuore, che si può prendere cura di me?

Sono certa che sarà così solo se Egli saprà rispondere in modo “soddisfacente” a queste due domande in apparenza banali:

Cos’ è il Tempo?

Cos’ è il Sogno?

che dire? Chiedo troppo? No, non credo ❤

IMG_38483567168921

Anima gemella – 15/15

Eccoci dunque all’ultimo punto…

Sono sincera, l’ho cambiato in corsa perché in origine era “ricco sfondato”… anzi, l’origine dell’origine era “economicamente indipendente”.

Non lo so… mi sembrava quasi doveroso tornare un pochino con i piedi per terra pensando al gas, all’acqua e al costo dei viveri consumati in notti d’amore.

Poi mi sono detta che bisogna osare e dunque, perché accontentarsi della mediocrità e non ambire all’eccellenza?

Non c’è niente di più sbagliato dell’ accontentarsi pensando che il fatto di chiedere poco ci possa garantire di ricevere.

La vita premia sempre gli audaci e bisogna volere sempre di più,  soprattutto da noi stessi.

E quindi… ricco sfondato.

Poi c ho ripensato ma sulla base delle riflessioni di ieri e mi sono detta che “nonmenefregaproprionulla”. 

Ma proprio niente di niente di niente dei soldi o delle ricchezze.

Io devo solo esprimere le mie richieste. Domandare. Osare.

Le “amenita” spicciole di sostentamento e di gestione economica della quotidianita non mi competono: le lascio all’Universo…

Io sto chiedendo di incontrare una “grande anima”.

Che differenza fa la vile pecunia? Nessuna.

Potrei dire “non lo voglio” se non soddisfasse il requisito di “ricco sfondato”?

Ma anche no…. Io lo voglio con tutta l’anima.

E dunque al punto 15 metto

Che mi dedichi “Follow you Follow me ” dei Genesis

Dai manoscritti, esseni, di Qumran

L’ ho letto nella posta questa mattina appena svegliata.

È stato il mio secondo messaggio.

A coloro che sono nella mia vita e che custodisco con amore, passione e tenerezza.

Possa Egli benedirti con ogni bene e proteggerti da ogni male.

Possa Egli illuminare il tuo cuore con la conoscenza della vita e favorirti con l’eterna saggezza.

Possa Egli far discendere su di te le Sue benedizioni e la pace infinita.