Poesie sul cuscino -10 marzo

FB_IMG_1425156433863

“Ed è subito sera”

Ognuno sta solo sul cuor della terra

trafitto da un raggio di sole:

ed è subito sera.

(S. Quasimodo)

Annunci

L’ immenso

L’altezza è profondità,  l’abisso è luce inaccesa, la tenebra è chiarezza,  il magno è parvo,  il confuso è distinto, la lite è amicizia, il dividuo è individuo, l’atomo è immenso.

(G.Bruno)

Uno dunque è il cielo,  lo spazio immenso, il seno, il continente universale, l’eterea regione per la quale tutto discorre e si muove. Ivi innumerabili stelle, astri, globi e terre sensibilmente si vengono,  ed infiniti ragionevolmente si argumentano.  L’universo immenso ed infinito è il composto che resulta da tal spacio e tanti compresi corpi.

(G. Bruno)

20150310_181403

Immenso è ascoltare il rumore del mare che avvolge i sassi e poi si ritira.

Sentire che ci entra dentro invadendo lentamente le orecchie.

Sentire che ci avvolge allagandoci lo sguardo.

Sentire che diventa uno con il rumore del sangue che scorre dentro di noi.

Sentire che diventa vita nella nostra carne, nei muscoli, nella pelle.

Immenso è chiudere gli occhi e sapere di essere il mare.

Magia della vita

FB_IMG_1425963059546

In un campo ho veduto una ghianda:

sembrava così morta, inutile.

E in primavera ho visto quella ghianda

mettere radici e innalzarsi

giovane quercia verso il sole.

Un miracolo, potresti dire:

eppure questo miracolo si produce

mille migliaia di volte

nel sonno di ogni autunno

e nella passione di ogni primavera.

Perché non dovrebbe prodursi

nel cuore dell’uomo?

(K. Gibrain)

Non vi è nulla in cielo ne sulla Terra che non esista anche nell’uomo, e Dio, che è in cielo,  esiste anche nell’uomo, e i due sono Uno.

(Paracelso)

 

La vera magia è sentirsi uno con tutto, dentro e fuori di noi.

Uno con noi stessi, la nostra anima e il nostro corpo.

Uno con l’umanita.

Uno con la natura.

Uno con i nostri pensieri e le nostre azioni.

Il Mago (dedicato a Wiz)

FB_IMG_1425962997016

Sono nel presente. Qualunque sia l’azione che intendo intraprendere, è venuta l’ora di farla. Fate come me: guardate tutti i momenti in cui non siete voi stessi, in cui non vivete nel qui e ora, che è il momento dell’eternità e il luogo dell’ infinito. Che aspettate? Sbarazzatesi degli inutili fardello che sono i residui del passato e il timore del futuro. Incarno l’energia che chiamano Coscienza. Sono assolutamente presente qui, in questo corpo, tra altri corpi, in uno spazio e un tempo definiti. Non sono separato da ciò che mi circonda. Sono consapevole della stupefacente varietà di tutto quello che è . Vi invito a vivere con me quest’ inventario. Siate coscienti di tutti gli spazi, di tutta la materia: alberi, pianeti, galassie, atomi, cellule. Se sono cosciente, non sono soltanto uno spirito limitato a una determinata forma, ma mi trasformo nella totalità dell’opera divina. Come si fa ad essere coscienti? È semplice: in voi non devono esserci il passato ne il futuro, ma soltanto un momento, il momento cosmico. Occorre mettere fine una volta per tutte alle devianza dell’ego, alle antiche ferite. Bisogna liberarsi di ogni piano, di ogni sofferenza, di ogni programmazione. Allora si arriva alla luce della coscienza. Se siete vivi per voi, nell’attimo, la morte non esiste. Avete subito delle perdite nel passato e magari ne subirete in futuro, ma qui e ora nulla è andato perduto. Forse aspirate alla perfezione, a migliorare le vostre vite, ma nell’ attimo non esistono le aspirazioni. Siete li, con tutto il vostro potenziale intatto.

Siamo tutti “maghi”, impregnati della potenza che ci trascende da uno spirito che cerca la propria dimensione nel mondo, ed abbiamo a disposizione la totalità dell’attimo che viviamo per realizzarci. In piena felicità.

Il segreto della felicità è tutto qui: qualsiasi cosa fai non permettere al passato si distrarre la mente e non permettere al futuro di disturbarti. Perché il passato non esiste più e il futuro non esiste ancora.

(Osho)

Dobbiamo solo agire. Con consapevolezza. Nel presente.

Dunque anche io sono una maga, o forse una strega, o forse una fatina.

Sicuramente sono in cammino cercando risposte.

Sono le scelte che facciamo che dimostrano quel che siamo veramente, molto più delle nostre capacità.

(Albus Silente – Harry Potter)

Ritmo

20150310_090124

Ritmo.

Musica.

Batte il cuore.

Muove i muscoli.

Agita l’anima.

E irrompe la vita.

20150310_072153

Mi è caduto il foglio

c’era scritto una poesia

per te, datata 1992.

Mi è caduto il foglio

ma ho ancora la penna

in mano.

Trattasi di reminiscenze

di un tempo morto e sepolto.

La poesia cominciava con un:

“Caro Amore…”

non l’ho più portata

a termine, perché

mi è caduto il foglio.

20150310_090035

Tra la palestra e la briosche (integrale) – 10 marzo

2015-03-10_06.39.33

Lo spiraglio dell’alba

respira con la tua bocca

in fondo alle vie vuote.

Luce grigia i tuoi occhi,

dolci gocce dell’alba

sulle colline scure.

Il tuo passo e il tuo fiato

come il vento dell’alba

sommergono le case.

La città rabbrividisce,

odorano le pietre

sei la vita, il risveglio.

Stella sperduta

nella luce dell’alba

cigolio della brezza,

tepore, respiro

è finita la notte.

Sei la luce e il mattino.

(C. Pavese)

L’incanto dell’alba

la dove il cielo

si unisce alla terra

come la luce

alle tenebre.

Ed il buio

esplode di stelle.

O gioiello sul fior di loto concedimi tutte le realizzaziomi

FB_IMG_1425669177626

Quando la mente si concentra prima o poi mai manifesta un segno. Questo non è per tutti il medesimo. Per alcuni potrà essere una forma come una stella, un diadema di gemme o un filo di perle. Altri lo avvertiranno come un fiore di loto, la ruota di un carro, il disco della luna, il disco del sole. Se appare un segno luminoso, non bisogna cominciare a pensarci ne dargli attenzione diretta. Il segno è originato dalla percezione. Perciò bisogna capire che appare diverso a causa della differenza di percezione.

(Visati Magga)