I Figli di Epicuro ovvero l’ Accademia di una vita lieta

canestrofrutta

C’è più sapienza in una bottiglia di vino che in tutti i libri scritti dall’uomo.

(B. Pascal)

Parte domani la mia nuova ricerca: non dell’anima gemella che già c’è (si deve solo palesare) o del lavoro dei miei sogni che ho trovato (solo questione di tempo).

Ancora una volta è legata all’ incessante ricerca dell’Amore, questa volta pero di quell’amore e di quel piacere che trasformano un bisogno primario dell’ individuo in un imprescindibile rituale di piacere e di gioia.

Il cibo.

Perché il cibo, come le “belle parole” e la nostra crescita personale, null’altro è che Amore verso noi stessi e verso gli altri.

Il cibo dunque come poesia oppure musica, come storia oppure letteratura…

Ci provo, allora, a raccontare questa mia avventura alla ricerca dell’Amore accompagnata per mano dal mio amico chef Giuseppe.

Che ringrazio e davanti al quale mi levo la toque blanche.

Annunci

Uomo del faro

FB_IMG_1425192960553

… Nessuno va mai sull’isola ormai, solo i marinai di qualche nave che passa più vicina di altre hanno detto di avere sentito, nel silenzio della notte, le note di un pianoforte confuse con il soffiare del vento e di avere intravisto, contro la luce della lanterna, la sagoma di un uomo in piedi sul terrazzino fuori dal faro che fumava tranquillamente la sua pipa… sono colui che nell’oblio della solitudine illuminata dalla luce del faro,  cerca un piccolo spazio.

(P. Coelho – Uomo del Faro, Guerriero della Luce)

Les Iles d’Ouessant sono un piccolo arcipelago spazzato dal mare e dal vento. Chi si spinge fin lì non rimane deluso dalla selvaggia e meravigliosa forza di una natura forte ed incontaminata. Piccole case in pietra dalle imposte azzurre  e muretti di pietre. Biciclette, erica e gabbiani.

Ci tornerò…

In the morning you always come back

Lo spiraglio dell’alba

respira con la tua bocca

in fondo alle vie vuote.

Luce grigia i tuoi occhi,

dolci gocce dell’alba

sulle colline scure.

Il tuo passo e il tuo fiato

come il vento dell’alba

sommergono le case.

La città rabbrividisce,

odorano le pietre

sei la vita, il risveglio.

Stella sperduta

nella luce dell’alba,

cigolio della brezza,

tepore, respiro

È finita la notte.

Sei la luce e il mattino.

(C. Pavese)

Insonnia ovvero Pensieri silenziosi che danzano nel buio

Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.

(F. De Andre – Via del Campo)

Sono spesso le situazioni più buie e drammatiche quelle che riempiono di linfa vitale la nostra vita. Non è la pacatezza del fluire dei giorni quanto il dolore che avvolge come un pantano la nostra anima quello che ci permette di elevarci e di trovare un senso al filo dei nostri momenti.

Il fior di loto è un simbolo profondo in Oriente, perché l’Oriente afferma che dovresti vivere nel mondo, ma senza farti contaminare da esso… Esso cresce dal fango, nell’acqua, tuttavia resta incontaminato dall’acqua. Ed è simbolo di trasformazione: il fango si trasforma nel fiore più bello e fragrante che questo pianeta conosca.

(Osho)

2015-03-01_04.05.12

Lasciare che, dalle difficoltà “sbocci” l’amore per sé stessi e, come

Il fior di loto sull’acqua non conosce le ragioni del suo oscillare. (Osho)

Danzare con la vita e con quello che,  nonostante tutto, splende dentro di noi .

L’Amore è la forma più sublime e sublimata di “autostima”, amare è progetto, sfida, disponibilità a credere, ma per credere nel proprio futuro occorre volersi bene.

(P. Crepet)

E solo attraverso la forza di schiudersi alla fiducia nei sogni, alla luce della nostra forza per vivere pienamente in armonia con la la gioia e il dolore.

La fantasia e i sogni sottolineano le nostre risorse interne, cioè il nostro stesso segreto di vivere.

(P. Crepet)