Felici sogni

allucinogeno

Alza le parole non la voce. È la pioggia che fa crescere i fiori, non i tuoni.

(Rumi)

Annunci

Un grammo ovvero un illuminazione

Stai sfogliando un libro e ti imbatto in una frase che illumina di senso nuovo tante cose.

Un grammo di caviale in un chilo di escrementi non cambia niente. Un grammo di escrementi in un chilo di caviale rovina tutto.

(Roland Topor, citato da A. Jodorowsky in Cabaret Mistico)

C’è di cui riflettere…

stupore

Music Mood Tag Sti Big Katz ❤

Non posso che ribloggare. E un opera d arte. Woody Allen non è nessuno… Ti adoro avvocatolo… sono orgogliosa di avere un avvocato così al mio fianco.. gratisssssseeeeeeeeee. Un avvocatolo super per Amico… <3<3<3<3<3

Un giorno

immensità

Un giorno ti sveglierai e vedrai una bella giornata. Ci sarà il sole, e tutto sarà nuovo, cambiato, limpido. Quello che prima ti sembrava impossibile, diventerà semplice, normale. Non ci credi? Io sono sicuro… anche domani…

( F. Dostoievskij)

Lettera aperta al mio aMito avvocatolo

Caro amico,

ricorre una settimana da che ci siamo incontrati nel web.

Settimana intensa e piena di emozioni.

Piena di sano e totale divertimento.

Ieri, poi… the surprise… pure tu leggi Brian Greene…

Io ho incontrato Brian grazie ad un caro amico, ed ora Brian mi “collega” ad uno stratosferico avvocatolo… va che la vita è buffa…

Nel multiverso inflazionario – In un multiverso patchwork, non esiste una demarcazione netta tra un universo parallelo e l’altro. Tutti fanno parte di un’unica distesa di spazio le cui caratteristiche qualitative globali sono simili da una regione all’altra. La sorpresa è data dai dettagli. Chi di noi si aspetta che esistano mondi identici? Chi si aspetterebbe di incontrare, ogni tanto, altre versioni di noi stessi, dei nostri amici, della nostra famiglia? Se potessimo viaggiare abbastanza lontano, però, questo è proprio ciò che troveremmo.

(B. Greene – La realtà nascosta)

Nel spazio infinito o potremo no essere infiniti mondi simili a questo, o che questo universo scendesse la sua capacità e comprensione di molti corpi, come son questi, nomadi astri; ed ancora che (o simili o dissimili che siano questi mondi) non con minor ragione sarebbe bene a l’uno l’essere che a l’altro; perché l’essere de l’altro non ha minor ragione che l’essere de l’uno , e l’essere di mo,ti non minor che de l’uno e l’altro, è l’essere infiniti che di molti. Là onde, come sarebbe male la abolizione ed il non essere di questo mondo, così non sarebbe buono il non essere de in numerabile altri.

(G. Bruno)

Grazie caro aMito.

Grazie di tutto.

I puntini alla fine spesso si uniscono da soli.

Bello chiama bello.

Buona domenica.

a5

L’importante è cominciare

L’uccello in gabbia ha il suo becchime, ma presto finirà in pentola. Nessuno da niente alla gru selvaggia, ma i cieli le appartengono.

(“Il Vangelo di Buddha” in A. Jodorowsky – La riposta e la domanda)

Parte da qui, oggi, la mia riflessione sulla condizione femminile. Mi sono impegnata con equilibristasquilibrato ad argomentare il mio pensiero e così farò.

Pubblicamente, uno dei motivi della mia grandissima stima verso di lui è appunto che, da ogni confronto sincero, onesto e divertente io imparo sempre. Sempre.

Da qui l’Amicizia per la quale lo ringrazio.

Per me dunque è un “punto di onore”, in quanto donna e femmina, far funzionare il mio cervello e cercare di dimostrare che, comunque la vogliamo mettere, la società occidentale ha sempre premiato le donne che hanno accettato una condizione subalterna, perché questo è il modello sul quale veniamo plasmate.

Però lo faccio dopo.

Ora vado in palestra poi parrucco (al centro commerciale sigh… due in due giorni: troppi) e a far la spesa.

Se non sarò pronta stasera sarà perché mi sono abbioccata al sole…

Viviamo nel qui e nell’ora… 2015-02-24_12.51.28