Parole nella notte

girasole

“Il mio sguardo è nitido come un girasole”

Il mio sguardo è nitido come un girasole.

Ho l’abitudine di camminare per le strade

guardando a destra e a sinistra

e talvolta guardando dietro di me…

E ciò che vedo a ogni momento

è ciò che non avevo mai visto prima,

e so accorgermene molto bene.

So avere lo stupore essenziale

che avrebbe un bambino se, nel nascere,

si accorgesse che è nato davvero…

Mi sento nascere a ogni momento

per l’eterna novità del Mondo…

(Fernando Pessoa)

Impermanenza & Cambiamento

LA VITA È UN CONTINUO DIVENIRE E CAMBIAMENTO

Ci sono solo due errori che si possono fare nel cammino verso il vero: non andare fino in fondo e non iniziare.

(Buddha)

a2

Ogni cosa esistente è impermanente.

Quando si comincia a osservare ciò,

con comprensione profonda e diretta esperienza,

allora ci si mantiene distaccati dalla sofferenza:

questo è il cammino della purificazione.

Dhammapada, XX (277)

assenza 2

Il cambiamento è il processo col quale il futuro invade le nostre vite.

(Alvin Toffler)

boh

Zen per pendolari ovvero vigilare

zenxpendolari

Il controllore non è il principe azzurro: non ti bacera per risvegliarti dal tuo sonno.

È quindi inutile che tu ti accasci, occhi chiusi e respiro profondo, contro il finestrino.

Rimedierai solo una paresi a causa dello sbuffo gelido dell’aria condizionata.

Sii vigile e scendi alla tua fermata.

Karma

Ognuno è responsabile di ciò che accade e ha il potere di decidere che cosa vuole essere. Quello che siete oggi è il risultato delle vostre decisioni e scelte passate. Quello che sarete domani sarà il risultato delle vostre azioni di oggi.
(Swami Vivekananda)

karma

Le prove nel mondo esteriore vi svegliano.
Le prove nel mondo interiore vi illuminano.
(Shri Chinmoy)

Reale & Reale

zebre

Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c’è altra via. Questa non è filosofia. Questa è fisica.

(Darryl Anka, The Ides of March, 1996 (attribuito erroneamente ad Albert Einstein)

cerchi

Non c’è altra realtà fuori di questa, se non cioè nella forma momentanea che riusciamo a dare a noi stessi, agli altri, alle cose. La realtà che ho io per voi è nella forma che voi mi date; ma è realtà per voi e non per me; la realtà che voi avete per me è nella forma che io vi do; ma è realtà per me e non per voi; e per me stesso io non ho altra realtà se non nella forma che riesco a darmi. E come? Ma costruendomi, appunto.

(Luigi Pirandello)

.

Un riparo apparente

umbrella

Detesto gli ombrelli.

Con ogni singola cellula del mio corpo.

Perché implicano la pioggia, perché offrono un riparo apparente, perché sgocciolano, perché impicciano.

Se piove mi bagno e poi mi asciugo.

Racconto coranico

L’ unico vero maestro non è in nessuna foresta, in nessuna capanna, in nessuna caverna di ghiaccio dell’ Himalaya… E’ dentro di noi!

(T. Terzani)

pavone

Si, ma tu non saprai, con me pazientare.

Mi troverai, se a Dio piace, paziente, ed io non ti disobbedirò in nulla.      

Arcano XVIII (La Lune)

Luna-JodorowskyNon insemino, indico soltanto. Chi riceve la mia luce sa quello che è, niente di più. E’ più che sufficiente. Per diventare ricezione totale, ho dovuto rifiutarmi di dare. Nella notte, qualunque forma rigida viene annichilita dalla mia luce, a cominciare dal cuore. Al mio chiarore, l’angelo è belva, la belva è belva, il pazzo è pazzo, il santo è santo. Sono lo specchio universale, chiunque può vedersi in me.

Pagine a caso…

uroboro

L’Alchimista cancellò il cerchio per terra e il serpente si dileguò rapidamente fra i sassi. Il ragazzo ripensava al Mercante di Cristalli, che aveva sempre desiderato recarsi alla Mecca, e all’inglese, che ricercava un alchimista. Ripensava a una donna che aveva sempre avuto fiducia nel deserto che, un giorno, le aveva portato colui che desiderava amare.

Rimontarono sui cavalli e, questa volta, fu il ragazzo che prese a seguire l’Alchimista. Il vento portava i rumori dell’oasi ed egli tentava di identificare la voce di Fatima. Quel giorno non era andato al pozzo per via della battaglia.

Ma quella sera, mentre osservava un serpente che si trovava in mezzo a un cerchio, lo strano cavaliere con il falco sulla spalla gli aveva parlato di amore e di tesori, delle donne del deserto e della sua Leggenda Personale.

“Vengo con te” disse il ragazzo. E immediatamente si senti con il cuore in pace.

“Partiremo domani, prima che sorga il sole,” fu la risposta dell’Alchimista.

(P. Coelho – L’Alchimista)