Pagine a caso ovvero “Ricordati di sapere sempre quello che vuoi”

Credo di avere un sacco di “cose” da fare e di sogni da inseguire.

Mai come ora, che dovrei sentirmi “a posto”, sento dentro di me prepotente il bisogno di ricominciare e non perché io ritenga di avere sbagliato (l’ho fatto…) o non sia soddisfatta con la mia vita (non mi manca proprio nulla…)

E’ assai difficile da spiegare, ma la differenza sta proprio qui e non risiede neppure nel “volere di più”.

Ma semplicemente nell’ Essere.

Essere ciò che si E’.

Realizzare la propria Leggenda Personale.

to be

“Perché non andate alla Mecca adesso?” gli domandò il ragazzo.

“Perché la Mecca mi fa sentire vivo. E’ quello che mi fa sopportare questi giorni tutti uguali, questi vasi silenziosi sui loro scaffali, il pranzo e la cena in quell’ orribile ristorante. Ho paura di realizzare il mio sogno e di non avere, poi, più alcun motivo per mantenermi vivo. Tu sogni pecore e piramidi. Sei diverso da me, perché desideri realizzare i tuoi sogni. Io voglio soltanto sognare La Mecca. Ho già immaginato migliaia di volte la traversata del deserto, il mio arrivo nella piazza in cui si trova la Pietra Sacra, i sette giti che devo compiervi intorno prima di toccarla. Ho già immaginato quante persone staranno accanto a me, davanti a me, e le parole e le preghiere che reciteremo insieme. Ma ho paura che sia una grande delusione, e allora preferisco limitarmi a sognare.”

Quel giorno, il Mercante diede al ragazzo il permesso di costruire la vetrina. Non tutti possono vedere i sogni nella stessa maniera.

(P. Coelho, L’ Alchimista)

Annunci

16 Replies to “Pagine a caso ovvero “Ricordati di sapere sempre quello che vuoi””

  1. Concordo.
    Il problema è che, prima di cambiare, vorrei almeno riuscire prima a raggiungere qualche traguardo.
    È da pazzi stancarsi di qualcosa che non si possiede (ancora).

    1. E quando credi di possedere qualche cosa che non la possiedi e ti scappa via. Credo che nulla ci appartenga veramente e il vero cambiamento sia appunto nel capire quale è la nostra Strada. Quando lo hai capito non c’è sforzo alcuno ma solo armonia con l’universo. Mi spiego… realizzare il proprio disegno è andare in armonia con le cose, vedere e seguire i segni, fluire con la vita. Lo sforzo e la fatica arrivano nel momento in cui tu lotti e magari ti opponi… capisci cosa voglio dire? 😀

    1. Paradossale 😀 evitare delusioni sapendo di non poter raggiungere qualche cosa è un paradosso, non credi? Oppure basta, per contro, fluire assecondando l’universo ed imparando le “lezioni”, soffiare nella stessa direzione del vento senza desiderare nulla 😀 o no?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...