44 gatti? No… un po’ di meno…

il-gatto-grigio-che-dorme-3775089

Guardo i gatti

fessure negli occhi;

dormono piano.

Quando mi alzo la mattina e, ad occhi chiusi, mi dirigo verso la cucina ho i miei felini al seguito che, abbandonati i vari ricoveri notturni, molto educatamente miagolano reclamando il loro cibo.

La sera ognuno di loro ha il proprio posto: chi sul tappeto pancia all’aria, chi sul davanzale del terrazzo, chi sulla pancia dell’umano di turno per fargli le fusa a dispetto del caldo e dell’afa…

I miei gatti mi hanno sempre fatta sentire curata e protetta e li ho sempre amati.

Oggi ancora di più…

Mi hanno fatto compagnia quando stavo male nel fisico e nell’anima, nelle notti insonni per le preoccupazioni e nei momenti tristi. Coi miei animali è “cosi”…

Oggi sono arrivata a dire che mi proteggono dalle “influenze” negative.

Vero si o vero no, ho trovato quest’ articolo. Leggetevelo se avete voglia, magari scoprirete qualcosa di più sul vostro gatto…

“L’Energia Magica dei Gatti”

I Gatti hanno una connessione al mondo invisibile della magia. Come i cani sono i nostri guardiani nel mondo fisico, i gatti sono i nostri protettori del mondo dell’energia. Durante il tempo che passa sveglio, il gatto va “ripulire” la casa dai poteri intrusivi, dalle energie negative…

Quando dorme, filtra e trasforma questa energia. Il gatto può essere spesso in luoghi con scarsa circolazione dell’energia vitale Prana o Chi e attiva questa zona.

Molte volte il gatto è totalmente concentrato… vede cose che non vediamo, da insetti microscopici ad esseri da altre dimensioni. Molte volte il tuo gatto va in un posto isolato dalla casa e comincia a miagolare , non è solo attenzione che vuole, è una sorta di avvertimento che sta dando: deve migliorare la qualità dell’energia in quel posto.

I nostri problemi, il nostro sforzo quotidiano sono assorbiti dal gatto.

Quando il posto è molto carico di energia negativa, non è raro che il gatto si ammali.

Chiaro che il gatto non è il solo responsabile per il bilancio energetico della casa. Quanto più armonia esiste nel vostro ambiente, meno energia negativa avrà bisogno di filtrare e di conseguenza sarà più felice, più sano.

Quando dormiamo i nostri corpi astrali sono separati dal corpo fisico e vanno nella quinta dimensione, la dimensione senza tempo e spazio: la dimensione in cui siamo quando sogniamo. A causa della mancanza di formazione e preparazione, la maggior parte del tempo non vediamo questa dimensione come è, ma tendiamo a “travestire e codificare i contenuti inconsci e psichici”.

I gatti spesso ci accompagnano in questi viaggi astrali o proteggono il nostro corpo astrale, oltre a proteggerci da spiriti indesiderati quando noi stiamo dormendo. Queste sono le ragioni perché a loro piace dormire nel letto con noi. I Gatti monitorizzano la nostra evoluzione.

Durante la convivenza con noi, trasmettono informazioni a dimensioni superiori, perché fungono da radar e trasmettitori. Inoltre, come trasformatori di potenza aiutano nella guarigione, giocando un ruolo simile a quello dei cristalli.

Secondo Caroline Connor, se ci sono molte persone nella famiglia e un gatto unico, esso può essere sovraccaricato di tutte le negatività. È bene avere più di un gatto per dividere il carico – Se non avete un gatto e improvvisamente ne hai uno nella tua vita, è perché hai bisogno di un gattino in quel momento specifico. Il gatto è venuto a voi per qualche motivo. Restate sintonizzati con i gatti essi reagiscono alle visite a casa. Molte volte stanno cercando di proteggere se stessi da un campo di energia negativa o pesante.

Fonte: http://www.rivelazioni.com

Se sia vero o no non lo so.

Io so che i miei gatti sono in forma strepitosa.

Segno che nella mia casa ci sono energie positive e che loro svolgono eccellentemente la loro “funzione”?

Annunci

L’ Universo parla a chi lo sa ascoltare

scarpebis

Corro appena riesco (ultimamente latito, lo confesso… ma ho cose più importanti da fare e alle quali tengo nell’anima) ma il mio non è “jogging”, bensì “zen-running-free“… lo so, dovrei brevettarlo e ci farei una fortuna. Vabbè…

Perché per me camminare e, ancora meglio correre, è l’attività che più mi avvicina alla meditazione: il mio pensiero si annulla nello sforzo dell’atto fisico e la mia mente si svuota completamente.

E poi ho un sogno che ho cercato di realizzare più volte senza mai riuscirci: percorrere a piedi il cammino che porta a Santiago de Compostela.

Nel frattempo ricevo una newsletter via email. Si chiama “Il Cammino” e, in quella di oggi, trovo per caso questa meravigliosa poesia…

Non esiste il caso. Esistono solo i segni.

“Adrenalina”

(equilibristasquilibrato devoted)

C’è adrenalina che distrugge
L’adrenalina dell’io voglio
Io voglio arrivare, vincere, possedere
Io voglio vivere al massimo, sempre e comunque
Io voglio correre, la musica nelle orecchie e le scarpe firmate
Io voglio, scriteriatamente voglio
Perché voglio avere
Voglio che tutto sia a mia disposizione
Ho gli occhi più grandi della bocca
Anche se alla fine lo so, dentro di me lo so
Che chi troppo vuole nulla stringe

C’è adrenalina che salva
L’adrenalina dell’io sono
Io sono lento, dolce, profondo
Io accetto la vita, sapendo della morte
Io sono in cammino, m’incanto del mondo ed ho i piedi scalzi
Io sono, modestamente sono
Perché accetto di essere
Sono quel che sono
E sia quel che sia
Sono i piccoli passi e le piccole cose
E non so, assolutamente non so
Dove questo andare mi porterà

(Guido   Ulula alla Luna)

Arcano X (La Roue de Fortune)

ruota fortuna

Ascolta la tua anima: il tuo io interiore avrà sempre dei messaggi per te, dovrai comprenderli e capire come agire.

“Eterno sorriso”

Sta arrivando il tempo nel quale il tuo cuore saprà sorridere sempre e comunque. Difficilmente perderai questa abitudine se l’hai acquisita con forza e decisione. Questo sorriso non è labile e passeggero, ma è un sorriso autentico, profondo. E’ quella luce del volto che parla di serenità e leggerezza nel tuo essere, è una conquista della tua Anima, quindi un trionfo, una vittoria che risuonerà a tempo infinito in ogni universo..
(D. Bertoni)

Il prezzo di se stessi

aaaa

Essere. Il valore di essere se stessi. Il valore del proprio lavoro. Il valore della creatività e dell’artigianalità. Il valore della Bellezza.

Ho lavorato 25 anni nel lusso più lusso.

Ho passato la mia vita e ho mischiato il mio DNA con pezzi della storia della moda. Ho visto “scorrere” sui tavoli da stampa il materiale delle “multico” della celebre borsa di Vuitton.

Ho toccato ed accarezzato i cachemire più fini e le sete più impalpabili, spiegato a parole le sensazioni che un habutae di seta trasmette al cuore perché quando lo avvolgi al collo ti sembra di indossare ali di farfalla.

So chiaro dentro di me, che il “valore vero” non è nel marchio che compero ma nell’essenza della qualità di un prodotto.

Come in alto cosi in basso: vale per l’essere umano e vale per gli oggetti.

Con ciò non denigro ne colpevolizzo chi sceglie il “marchio”, la griffe, anziché la silhouette.

Questione personale e ognuno sceglie.

Io indosso Vuitton, Chanel, Pucci, Prada ma anche Zara o H&M o pure roba di mercatino delle pulci alla sola condizione che mi piaccia, che sia in sintonia con ciò che io sono. Con  il mio essere.

Se trovassi ancora le “sarte” e non costassero una fortuna mi farei cucire i vestiti anziché comperarli…

E qui casca l’asino, anzi, la riflessione…

Quando io compero un prodotto cosa acquisto? Un bene di certo. Voluttuario o necessario ma pur sempre qualcosa di materiale. Quando io acquisto un prodotto griffato vado oltre e, sull’onda della pubblicità o della comunicazione, compero anche un “valore”, meglio i valori insiti nel marchio. I valori che mi vengono trasmessi o inculcati.

Valori di appartenenza, di apparenza, di potenza, di conquista, di ricchezza. E chi più ne ha più ne metta, non sono un’esperta della comunicazione…

Io so solo che il nostro mondo si sta globalizzando svendendo spesso le proprie unicità a favore di un accentramento di valori sovra-territoriale che va a beneficio di chi manipola, appunto, valori e comunicazione.

Solo per fare un esempio di rilievo, nel 2011 l’ ennesimo pezzo di made in Italy è passato in Francia. E un pezzo di grande rilievo. La famiglia Loro Piana, marchio celebre del cachemire, ha venduto l’80%
 dell’azienda familiare al gruppo francese LVMH per 2 miliardi di euro. Del resto, due miliardi di euro non sono bruscolini perché corrispondevano a un valore assegnato all’impresa di 2,7 miliardi in totale, pari a 21,5 volte il margine operativo lordo dell’ epoca.

Da allora quanti marchi di prestigio italiani operanti in tutti i settori di punta del made in Italy, dall’ haute couture al forniture al food, sono passati in mani di multinazionali?

Quando comperiamo un panettone da Cova ricordiamoci a chi appartiene il noto marchio milanese, quando comperiamo Louis Vuitton o Balenciaga ricordiamoci che LVMH è tra le prime multinazionali al mondo.

Non c’è nulla di male nel farlo.

Il male sta nell’incoerenza del fare la guerra alle multinazionali additandole come il male del mondo, con veementi ed infuocate retoriche e poi esserne i migliori e più soddisfatti clienti. Questa è pura ipocrisia!

Se sei un borghese fai il borghese, non giocare all’anarchico rivoluzionario salvatore del mondo…

Oddio, poi c’è un male ulteriore ma è un peccato veniale, ed è pensare che l’abito faccia il monaco. Niente di più sbagliato…

Nel corso degli anni ho imparato che ciò che è importante in un abito è la donna che lo indossa.
(Yves Saint Laurent)

Senza l’eleganza del cuore non c’è eleganza.
(Yves Saint Laurent)

Addendum:

Per chi fosse interessato questi sono alcuni dei marchi che appartengono a LVMH:

Brand del settore vini e liquori di pregio:
10 Cane Rum, Ardbeg, Belvedere, Bodegas Chandon, Cape Mentelle, Chateau d’Yquem,, Cheval des Andes, Cloudy Bay, Domaine Chandon California, Domaine Chandon Australia, Glenmorangie, Hennessy, Krug, Mercier, Moët et Chandon, Dom Pérignon, Newton, Numanthia, Ruinart, Terrazas de los Andes, Veuve Clicquot e Wenjun.

Brand del settore orologi e gioielli:
Bulgari, Chaumet, De Beers Diamond Jewellers, Dior Watches, Fred Joaillier, TAG Heuer, Zenith International S.A.e Hublot.

Fashion Brand:
Dior, Louis Vuitton, Fendi, Berluti, Céline, Donna Karan, Nowness, Emilio Pucci, Givenchy, Kenzo, Loewe, Marc Jacobs, StefanoBi e Thomas Pink.

Brand di distribuzione: DFS Selective Retailing, Sephora, La Samaritaine, Le Bon Marché e Starboard Cruise Services.

Brand del settori fragranze e profumi:
Parfums Christian Dior, Guerlain, Parfums Givenchy, Kenzo Parfums, Acqua di Parma, BeneFit Cosmetics, Fresh, Perfumes Loewe, Make Up For Ever e Laflachère.

Altri settori: Groupe Les Echos, Royal Van Lent e Jardin d’Acclimatation

Addendum II:

L’ ex Direttore dello store Louis Vuitton sugli Champs Elysées è un mio carissimo amico, uno dei capi che ho più amato e dal quale ho imparato moltissimo. Un uomo di immenso valore umano e professionale. Io sono Consapevole 😉

Poesie del mattino by chiediloamanu (9 luglio)

sensovita2

Pensieri circolari

vanno e tornano allo stesso punto.

Pensieri inconsistenti

come nuvole che galleggiano

nell’azzurro.

Pensieri luminosi

come scintille di sole che rimbalzano

sull’iride.

Pensieri e pensieri.

Esisto nei miei pensieri.

Mi perdo nelle onde del cuore

attraverso il finestrino che corre.

E ritorno a te come fa la risacca.

In un moto perpetuo.

In un cerchio infinito ed eterno.

(chiediloamanu)