Fiat Lux

nebbia

Pensieri e sensazioni

come onde e maree mi attraversano

cantando canzoni senza parole.

Sento le volute di nebbia

che avvolgono il mio cuore

mentre vengono trafitte

da lame di luce opalescente.

Sento il chiarore dell’alba

sulla superficie dell’acqua

mentre sfuma in vapori

sotto il calore della luce che sale.

Sento il sole che abbraccia l’acqua

e ne muove leggero la superficie.

La luce sale e lenta mi avvolge.

Annunci

Arcano XVIIII (Le Soleil)

le soleil

E’ il Soffio Divino che si manifesta nell’uomo. E’ il livello in cui l’ anima aspira a raggiungere l’umiltà della sua divina origine, il momento nel quale l’uomo ascolta pienamente la luce interiore che gli appartiene.

L’ essere umano è chiamato a partecipare al grande piano della Salvezza; egli deve agire per se stesso e per gli altri. E’ duplice, ma deve tornare all’unità.

Il Sole illumina due giovani che si tengono per mano; rappresentano l’amore terreno e profano, la copia, in negativo, dell’Amore Divino. Esso è anche il nostro sole interiore; la nostra capacità di essere positivi, sempre, anche nei momenti difficili.
Il valore numerico è 19: dieci più nove sono la Ruota e l’Eremita insieme; quindi il nostro destino, la capacità di realizzarlo, e la nostra capacità di essere saggi. In questo arcano l’iniziato incontra l’altra parte di se stesso, la sua parte femminile che gli manca ancora.

Simbolicamente, il Sole è la Luce Spirituale che guida, sorregge, protegge. E’ l’amore terreno che abbiamo saputo realizzare. Il Sole è il principio, fonte di vita terrena e spirituale. E’ la capacità di riconoscere in noi stessi e negli altri la scintilla divina.
La coppia che in molti Tarocchi è raffigurata nella lama è la coppia terrena, l’uomo e la donna uniti nell’amore che realizzano nella vita; è la dualità, l’unione totale di due anime gemelle. Nell’unione con l’altro possiamo diventare completi e perfetti. E’ il mondo interiore di due anime che non si chiudono in se stesse ma portano il loro sole sul mondo intero.

Dal punto di vista divinatorio, questa lama rappresenta la gioia, l’amore, sia terreno che spirituale. Al positivo è la nostra anima gemella, la nostra capacità di realizzarci.

ACCOGLI LA LUCE NELLA TUA VITA. CHE SIA SEMPRE CON TE E IN TE!

”Ma come, la luce ti spaventa? Non devi perché questo è lo specchio della tua vita, ciò che hai raggiunto e guadagnato fino a questo momento. E’ il risultato delle tue lotte, dei tuoi sacrifici. Vedi? Niente è stato inutile, ogni seme che hai piantato ha dato i suoi meravigliosi frutti. Ogni battaglia è stata vinta, ogni lotta compiuta per migliorare ed il negativo si è trasformato in positivo. Ogni gesto d’amore che hai compiuto ha dato vita ad un nuovo fiore e tutto l’amore che hai donato è tornato a te ancora più grande. Questo giardino luminoso è la tua anima ed il Sole è la tua fede, devi renderla sempre più luminosa e grande. Le piante ed i fiori sono le tue potenzialità nascoste, devi renderle sempre più vive. Rendi sempre più forte il tuo spirito. Non scoraggiarti di fronte agli ostacoli, continua sempre nel tuo cammino con fiducia! Ricorda infine che nel profondo della tua anima la speranza non deve mai venire meno”.

La FEDE muove le montagne; senza di essa ci sentiamo persi. Credere in Dio, nella vita, in se stesso, negli altri; pensare di poter realizzare grandi obiettivi, poiché la volontà è forte e decisa in lui.
La SPERANZA ci deve sostenere sempre: la sicurezza di non essere solo, di non essere abbandonati a noi stessi.
La CARITA’ ci permetterà di venire incontro ai bisogni del prossimo, aiutando gli altri nel modo e nel momento giusto, senza isolarsi nel proprio egoismo.
La SAGGEZZA ci renderà più maturi e ci permetterà di vedere la vita con occhi nuovi; ci insegnerà a comprendere meglio gli avvenimenti, a vedere in ognuno di essi un motivo di crescita, senza mai perdere di vista l’obiettivo finale.
L’ EQUILIBRIO è un’altra dote necessaria: non più scatti d’ira violenta, passioni che infiammano l’anima per poi svanire dopo poco; comprendere che nella vita non è tutto nero o tutto bianco e la via di mezzo rimane sempre la migliore; l’intransigenza è negativa perché fa perdere la flessibilità.
La PROFONDITA’ DI PENSIERO che giunge con gli anni portandoci ad essere meno superficiali, ad andare al di là delle cose e dell’apparenza. Riuscire ad entrare nell’intimo delle situazioni e a comprendere meglio.
La CONOSCENZA é la virtù più difficile da raggiungere: attraverso lo studio, la meditazione, l’ascolto interiore, questa dote può essere nostra, anche se dobbiamo aggiungere ad essa una buona dose di umiltà.

(Tratto da testo di Emanuela Cella Ferrari)

L’infinito sulla pelle

20150711_204104

(Il cielo ha il colore del lago – Lago di Mezzola – collezione privata chiediloamanu)

Cieli d’acqua solcati

da onde di nubi

e cieli nascosti nel nero

trafitti da stelle cadenti.

L’anima distende il suo respiro

sotto foglie sussurranti parole di luce

e trafitte da schegge di notte.

Ed io disegno l’infinito sulla pelle.