FERMA LA RUOTA

RISVEGLIO DAL SOGNO PLANETARIO

Come il criceto mantiene in moto la ruota con la sua corsa,
così l’uomo comune mantiene attiva la ruota del sistema correndo di qua e di là, come un ebete disperato.
Gli unici shock che lo fermano sono i traumi, gli infarti o la morte.
Anzi no, la sua anima è troppo sciocca, non si ferma (a riflettere) neanche morta.

View original post

Annunci

L’ altra parte di me

Cellule e ombre

unite da invisibili fili

sei la stessa mia sostanza.

Sei l’altra parte di me.

PicsArt_1441817348686
Tornando a casa, Piazza Castello – Milano

Fede

Per realizzare il proprio sogno, ha bisogno di volontà’ salda, e di un immensa capacità’ di abbandono. Sebbene egli abbia un obiettivo, il cammino per raggiungerlo non è sempre quello che immagina. Perciò il guerriero usa la disciplina e la compassione. Dio non abbandona mai i propri figli, ma i suoi disegni sono insondabili, ed egli costruisce la strada con i nostri stessi passi. Usando la disciplina e l’abbandono, il guerriero si entusiasma. L’abitudine non può mai governare le mosse importanti.

(P. Coelho, Il Manuale del Guerriero della Luce)

PicsArt_1441800573119
Dipingere il grigio

 

Ah l’amore…

Mio figlio sembra aver aperto il libro di matematica.

Evento miracoloso e paragonabile ad una apparizione mariana con tanto di messaggio ai fedeli…

Poi scopro che stava ripassando con la sua girl friend…

Ecco, ora capisco. E rido dei miei rimbrotti che hanno vanamente cercato di inculcare l’importanza dello studio…

Un’unica Forza, l’Amore, lega e da vita a infiniti mondi”, scrive Giordano Bruno (1548-1600). L’unica Forza non è un mito; è la forza che i fisici chiamano “debole” e che muove il sole e le altre stelle, come dice Dante…

Giordano Bruno e l’Amore

“Un’unica Forza, l’Amore, lega e da vita a infiniti mondi”, scrive Giordano Bruno (1548-1600). L’unica Forza non è un mito, ma la forza nucleare che i fisici chiamano “debole” e che pochi conoscono. Eppure la forza “debole” muove il sole e le altre stelle, come dice Dante, è legata alla salute del corpo umano svela una diagnosi. Perché nessuno la conosce? Perché è Forza intelligente, è la Vita, la comunione istantanea, la risorsa nucleare che svela l’inutilità dei mediatori e fa nascere una società organica.

(Tratto da http://www.giulianaconforto.it)

Lasciar andare

Lasciar andare non significa non interessarsi,
ma smettere di credere di aver potere al posto degli altri.
Lasciar andare non significa fregarsene,
ma lasciare che l’esperienza sia consigliera, non le parole.
Lasciar andare non è vittimismo,
ma la profonda certezza che spesso gli effetti non dipendono da noi.
Lasciar andare non corrisponde ad una critica,
ma ad un atto di estrema fiducia.
Lasciar andare non è imporre nuove catene,
ma permettere alla libertà di ognuno di esprimersi.
Lasciar andare non è ancorarsi al passato,
ma vivere pienamente un nuovo futuro.
Lasciar andare non è un atto egoistico,
ma è il coraggio di scoprire il nuovo che si svela di fronte a noi.
Lasciare andare non è dominio e controllo,
ma un atto i fede perché la vita si sveli.
Lasciar andare non è cedere ai fardelli della vita,
ma credere che siamo nati per uno scopo elevato.
Lasciar andare non è soffrire,
ma permettere alla gioia di abitare in noi.
Lasciar andare non è di domani,
ma è di un oggi che aspetta di essere vissuto.
Lasciar andare… libera, purifica, migliora… lasciare andare… è accogliere la gioia.

(S. Littleword)

 

PicsArt_1441789333897
La vie en rose, Carcassonne

Sul treno – 9 settembre

PicsArt_1441777590930
Vita

Ridere, è rischiare di apparire matti…

Piangere, è rischiare di apparire sentimentali… 

Tendere la mano, significa rischiare di impegnarsi…

Mostrare i sentimenti, è rischiare di esporsi…

Far conoscere le proprie idee ed i propri sogni, è rischiare di essere respinti…

Amare, è rischiare di non essere contraccambiati…

Vivere, è rischiare di morire…

Sperare, è rischiare di disperare…

Tentare , è rischiare di fallire…

Ma noi dobbiamo correre il rischio!

Il più grande pericolo nella vita è quello di non rischiare.

Colui che non rischia niente…

non fa niente…

non ha niente…

non è niente!

(Rudyard Kipling)