Opposti

Con la mancanza di collera si vinca la collera; con la bontà si vinca la cattiveria. Con la generosità si vinca l’avarizia, con la verità si vinca il menzognero.
(Buddha Siddhārtha Gautama)

PicsArt_1444252896711
Terre sospese nel vento
Annunci

Elogio della diversità (equilibristasquilibrato devoted)

Il maschio e la femmina rappresentano i due aspetti del grande dualismo radicale. Ma nei fatti sono in fase di perpetuo passaggio dentro l’un l’altro. I fluidi si induriscono in solidi, i solidi si liquefanno in fluidi. Non c’è un uomo completamente maschio, e nessuna donna puramente femmina.

(Margaret Fuller)

PicsArt_1444228663358
Chilometro zero, Orticolario 2015

Quando perdiamo il diritto di essere differenti, perdiamo il privilegio di essere liberi.

(Charles Evans Hughes)

– 54

Non c’è nulla da fare… non sono nel mood “reblog” in questi giorni. Copy & paste.

0931. Excursus Magii

https://senzafilo.wordpress.com/2015/07/14/0931-excursus-magii/

image

Quando ti accorgi che ciò che chiami IO non è altro che una bilancia a due piatti, che tende perennemente all’equilibrio, e contro cui combatti una lotta idiota per farla pendere dalla parte che vorresti. Quando scopri che l’Ego è solo una misura su di una scala convenzionale ed aleatoria, e che la Mente è solo ciò che legge quella misura. Allora e solo allora intuirai l’esistenza di un fulcro immobile intorno a cui oscilla il braccio che pesa. Smetterai di occuparti di truffe e misure e lo cercherai. E quando l’avrai trovato vorrai sapere, finalmente, “cosa” sostiene quella bilancia

Arcano VI (L’ Amoreux)

Il destino dell’uomo come vocazione e adesione. L’ Unione di Cielo e Terra, fuoco celeste e fuoco terrestre, triangolo d’acqua e triangolo di fuoco; unione dovuta al fatto che essi sono una cosa sola e soltanto in questo momento tale verità viene vissuta concretamente come una scelta.

L’Innamorato rappresenta l’equilibrio magico tra i due Tre, cioè tra due irradiazioni opposte e tuttavia unite perché complementari. Rappresenta, l’unione, la combinazione, l’attrazione, il compenetrarsi degli opposti. Gli opposti però ci sono e attraggono in due direzioni, cosicché l’essere umano risulta scisso, spaccato in due, talvolta sofferente in questa contraddizione. Lo scoccare della freccia di Cupido fa sì che l’essere umano aderisca alla scelta e il Due diventa Uno, i due Tre diventano un Sei. L’innamorato perciò rappresenta l’Amore, il legame tra Dio e il creato come tra la creatura e il creatore, tra l’interno e l’esterno, tra l’Alto e il Basso: l’amore è la forza potente che muove l’essere umano al suo destino in base a una scelta che proviene dal cuore e che nello stesso tempo è un dono fatto da Dio agli uomini per perfezionare ciò che la natura ha lasciato imperfetto.

Il libero arbitrio, la scelta, la coincidenza tra scelta umana e divina.

(fonte: http://www.tarocchi.it)

imna images

Date a Cesare quel che è di Cesare, e a Dio quel che è di Dio», fu la risposta di Gesù ai farisei che gli chiedevano se dovessero pagare l’imposta a Cesare, ossia all’occupante romano. Qui Cesare rappresenta dunque le potenze della terra contrapposte a Dio, il Re celeste. Ma Cesare può anche essere interpretato come una delle forme della nostra natura inferiore, la nostra natura puramente umana che reclama le nostre risorse, esattamente come Cesare riscuoteva l’imposta. Tutti abbiamo dentro di noi un “Cesare” che esige, e la questione è sapere quanto gli dobbiamo dare.
La risposta ci è data dai quattro elementi. Accendete un fuoco di legna: vedrete sprigionarsi una quantità di fiamme, poi dei gas in minore quantità, in seguito del vapore acqueo in quantità ancora minore, e alla fine sul terreno non rimarrà che un pugno di cenere… Il fuoco, il gas e il vapore acqueo sono saliti verso il cielo; solo la cenere (la terra) è rimasta. Ecco, questo ci indica che ciò che corrisponde all’elemento terra è quanto occorre dare alla natura inferiore: per essere generosi, diciamo un quarto. E gli altri tre quarti dobbiamo darli alla nostra natura divina.

(O. M. Aivanhov)

Sul treno – 7 ottobre

Tutto quello che ci occorre,

a volte,

è solo un pezzetto di cielo.

Quando lo spirito ci visita, allora riceviamo qualcosa. Quando non interveniamo troppo, quando non permettiamo che le nostre opinioni interferiscano, questo qualcosa può essere, se siamo felici, un sonetto, un haiku, un tanka o, nel mio caso, un cuento.
(JORGE LUIS BORGES, Una vita di poesia)

PicsArt_1444196640917