Le parole, fragili fili

La parola è il potere con cui creiamo, la parola è una forza, è il potere di esprimere e comunicare, di pensare e quindi di creare gli eventi della nostra vita. Come una spada a doppio taglio può creare un sogno magnifico, oppure distruggere tutto.

La parola impeccabile crea bellezza, armonia, comunione. A seconda di come la usiamo la parola ci renderà liberi o schiavi. Se ci abbandoniamo all’ira e con le nostre parole inviamo veleno emozionale verso altre persone, stiamo usando la nostra parola contro di noi. Se invece le nostre parole esprimono rispetto ed amore creeremo attorno a noi armonia e serenità.
Principalmente ci serviamo della parola per diffondere i nostri veleni personali: ira, gelosia, invidia ed odio. La parola è magia pura è il dono più potente che abbiamo. L’impeccabilità della parola può guidarci verso la libertà personale, verso il successo e l’abbondanza , può toglierci la paura e trasformarla in gioia ed amore.

(Don Miguel Ruiz)

PicsArt_1447501666302
Parole d’acqua sospese su fili d’aria e di nulla
PicsArt_1447501788400
Fragili fili nell’ erba
Annunci

Nebbia

LE GRAND HOMME

CHEZ UN TAILLEUR DE PIERRE

OU JE L’AI RENCONTRE

IL FAISAIT PRENDRE SES MESURES

POUR LA POSTERITE.

(J. PREVERT)

L’ estate ha lasciato il posto alla nebbia e alla sua umidità.

Il panorama e l’aria sono avvolti da un velo di tristezza e solo il rosso delle foglie, che quest’estate tardiva ha preservato, riesce a passarvi attraverso.

Il gatto vuole stare sulle ginocchia e lo lascio fare mentre affondo le dita nella sua pelliccia e ci coccoliamo a vicenda.

Mentre la massa corre e il mondo urla.

Urla di pace, di libertà, di dolore e di sangue, di violenza… e di shopping e di spesa e del Natale che si avvicina ma al quale crediamo solo perché arriva l’ultimo IPhone… sdride e urla di tutto e di nulla in una Babele confusa.

Niente è scontato e niente è come sembra nella nebbia che ci circonda e che rimanda l’ eco delle urla in una realtà senza riferimenti.

Sei sicuro di ciò che vedi? No.

Silenzio.

PicsArt_1447495363207
Nebbia e rosso

– 16

 
PicsArt_1447481230827
Papaiuola, Castello Sforzesco – Milano

Avete la sensazione profonda di aver trovato la strada giusta?
Allora,  seguitela senza chiedere l’opinione di nessuno. Se volete assolutamente porre delle domande, ponetele alla vostra anima, al vostro spirito, al vostro Dio interiore. Obietterete che non avete mai ricevuto la minima risposta da loro: ebbene, vi sbagliate. Ogni volta che interrogate il principio divino che è in voi, ricevete una risposta. Se non la sentite, significa che i muri della vostra coscienza sono troppo spessi. Diminuite lo spessore di quei muri, e constaterete che ogni volta vi viene data una risposta. Quando avete bisogno di essere guidati, rivolgete la vostra domanda al Cielo: fatelo sinceramente, intensamente. Una volta espressa la domanda, non pensateci più: la risposta verrà, entro un lasso di tempo più o meno lungo, tramite un animale, un oggetto, una frase letta o ascoltata, l’incontro con una persona, un sogno. Naturalmente, per riconoscerla bisogna saper essere attenti. Se ci riuscirete, sarete stupiti nel vedere il modo in cui il mondo invisibile vi dà le sue risposte.
(Omraam Mikhaël Aïvanhov)