Thank you

I sincerely thank everybody who visited, liked and commented this blog today:

your attention makes me happy and proud.

PicsArt_1455052496104

 

 

Annunci

Riflessioni pendolari (2.2016)

Qual è lo scopo della vita? Diventare più umani o produrre di più?

(E. Fromm)

Non ho dubbi: ho chiuso il pc e me ne sono andata a casa sotto una pioggerellina milanese fatta di gocce polverose; sulla testa un ombrello rosso recuperato in ufficio.

Ho voglia che questo treno parta.

Ho voglia di scendere alla fermata ed attraversare i binari.

Ho voglia di trovare la mia casa ed il suo sapore.

Ho voglia di una sera fatta di chiacchiere infinite che non si spengono mai… di quelle dove parli e parli di tutto, della vita e dei figli, degli affetti e dei dubbi mentre in sottofondo mormora, ignorata, la tv.

Ho voglia di quelle sere sospese nella vita, quelle che rimangono accese finché lo sguardo non si spegne e tu anneghi sotto al plaid di pelliccia ridendo con una tazza di tisana in mano e lo spillone che tiene raccolti i capelli.

IMG-20151204-00664

 

Non dimenticare (14.2016)

Come mai questo voltafaccia? La risposta e ovvia: l’ intervento russo ha cambiato tutto. Sauditi, americani e compagnia non hanno mai avuto l’ intenzione vera di combattre l’ Isis, ma solo di tenerlo sotto controllo intanto che svolgeva il compito designato: abbattere il regime di Assad. E pazienza se nel frattempo c’erano milioni di profughi in Iraq e in Siria, pazienza se la guerra civile infuriava. L’ unico vero obbiettivo era far fuori Assad.
Adesso gli è venuto un dubbio atroce: e se Assad, appoggiato dai russi, dagli iraniani e da Hezbollah, dovesse invece vincere?
* * *
FB_IMG_1455031505166
* * *
A questo delirio frenetico la Merkel s’è impegnata, impegnando noi europei. Ci porta in guerra. Le abbiamo dato un mandato? Ovviamente no. Ma nella UE non c’è un luogo dove l’egemonia tedesca venga sottoposta a controllo, discussa, messa ai voti: gli italiani che per decenni sono stati europeisti entusiasti, non hanno mai contestato, erano contenti dell’euro, della NATO, della BCE che ci proteggono … Ed sono in mano ad una donnetta disastrosa, ch esercita una egemonia di cui non è intellettualmente nè moralmente capace, guardando ai sondaggi e ai tg della sera.. In una Europa dove tutti sono contro tutti, e tutti impotenti.

Una poesia in francese

PicsArt_1455009889701

 Le silence parle
Le silence raconte des merveilles
Parfois plus des regards et des mots
Écoutez avec vos oreilles la lune et le soleil
Les étoiles, les palmiers et les chameaux
Combien parlent les hommes silencieux
Les déserts, les montagnes et les fleures
Ceci ne vous rend pas, oh mes amis, curieux
la vie a besoin de nouveaux élans et saveurs
N’êtes vous pas nés à partir d’un embryon?
Et petit à petit vous avez atteint ce point…
De votre chemin qui vous fait sentir et croire géant
Mais vous êtes néants et les ports demeurent loin!
Les mers ont leur secrets et leur alphabets
Que les vagues composent sans cesse
Et gardent comme un miel précieux que les abées,
Lèchent durant les moments de tristesse
En savourant avec des yeux amoureux
La beauté cachée et le charme
De tout ce qui est vivant et heureux
De bonheur et d’amour versent les larmes
(Hamed Misk)

Il perché

Questa mattina, complici alcune riflessioni su alcuni post, alcune risposte ed alcune “discussioni” mi sono chiesta perché scrivo su un mio blog e per chi scrivo.

Ogni tanto ho dei flash che mi attraversano “cosi” il cervello…

Ora, di certo non ho la presunzione di scrivere per insegnare qualcosa a qualcuno, semplicemente perché non ho nulla da insegnare e, forse, neanche da raccontare. In realtà non so neanche se il mio blog ha un filo conduttore e non mi importa.

Non scrivo per “denunciare” nulla e non scrivo con la presunzione di cambiare alcuno e alcunché. Perché dovrei? Chi sono io?

Non scrivo per sfogarmi e neanche perché mi serve come terapia.

In effetti, scrivo solo “per me” perché scrivere è la mia ricerca, è il mio modo di cercare la verità e il bello, è il mio modo di sperimentare la vita e la realtà, è il mio modo di trasmettere energia e bellezza condite di rifessioni mie che partono con la presunzione di servire innanzitutto a me.

Credo nella potenza del pensiero e nella sua magia e per questo cerco di usare bene i miei pensieri e le parole che ne conseguono.

E questo è il motivo per il quale ho affiancato un blog solo di immagini: le mie immagini, i miei colori ed i miei sogni, aperti a chiunque voglia guardare e sentire la mia realtà della mia anima.

Spargo dei semi sul mio campo per il mio raccolto, ma so benissimo che le mie azioni non terminano li dove sono iniziate ma danno origine ad un ciclo ininterrotto di azioni… anzi, le mie parole non sono l’ inizio ma semplicemente fanno parte di un flusso e di una energia che devo e dobbiamo usare bene.

Se la mia energia e il seme contenuto nelle parole che lancio nel web cadono su un terreno fertile e vengono raccolte, se servono a qualcuno, se solo fanno sorridere o fanno pensare vuole dire che sono nel flusso della vita e che sto creando bellezza. E ne son felice.

Questo credo sia tutto quello che occorre affinché ognuno di noi abbia gli strumenti per creare la propria realtà e vincere le proprie sfide, per scegliere o fuggire.

Semplicemente.

Ed è con questi pensieri che oggi inizio la mia giornata e, soprattutto, ringrazio ognuno di voi per fare parte del flusso della mia vita e per arricchirmi ogni giorno.

Non vado in cerca di like o di follower e forse neanche di risposte, vado in cerca di anime in cammino come me.

Con tanti emoticon quando serve…

Gesù disse, “Non mentite, e non fate ciò che odiate, perché ogni cosa è manifesta in cielo. Alla fine nulla di quanto è nascosto non sarà rivelato, e null di quanto è celato resterà nascosto.”

(Vangelo di Tommaso)

PicsArt_1455008166845

 

Sul treno – 9 febbraio

Mi divertono troppo i versi di questo poeta… ho cercato la biografia e ne è uscito un personaggio singolare e sicuramente curioso. Mi piace il suo modo di vedere la realtà e di commentarla facendone poesia….

ANATRA TRONFIA

L’anatra vive sempre,
alla giornata. Al risveglio, scopre
che ha dormito un bilione d’anni.

Proprio il centro
dell’universo, non ha bisogno
di occhi, orecchie, zampe.

Cosa servono a chi
conosce il suo mondo
stazioni satellitari?

Libertà dal tempo,
immutabile. L’anatra
non è astuta come il cane che si lancia
attraverso lo spazio, come un razzo.
Inoltre, essa
è stata già lì.

(S. Takahashi)

PicsArt_1455000123332