Poesie sul cuscino (3.2016)

LUNA E LEPRE

Le cose esistono in se stesse.
Lassù sopra la luna
intravedo la lepre
in un vaso
che pesta il riso per le focacce.
Ne chiedo una.
“Di che forma?” dice la lepre.
“Una simile a un razzo”.
“Ecco –prendi!”.
Sopra, fuori,
ogni cosa passa
d’un colpo,
libero finalmente –
ignaro
di dove sto andando.

(S. Takahashi)

PicsArt_1455222288031

Annunci

Poesie e Pensieri

Silenzio”

 Oscillando senza tempo

divento l’onda

che si infrange sulla riva.

PicsArt_1455217627911

Gli oggetti hanno l’ eco e se stai zitto lo puoi sentire:

un suono basso e  intenso, cosi tondo che rotola via se non lo fermi.

Apri gli occhi:

la realtà giace li sul fondo, racchiusa nel rumore di fondo fastidioso delle immagini che si susseguono.

Chiudi gli occhi stretti e nulla esiste più:

 ogni cosa non è, mentre il tempo è un punto immobile e l’ Universo tutto li.

 

Non dimenticare (16.2016)

L’Ortodossia consiste nel non pensare — nel non aver bisogno di pensare. L’Ortodossia è inconsapevolezza.

War is peace.
Freedom is slavery.
Ignorance is strenght.
La guerra è pace.
La libertà è schiavitù.
L’ignoranza è forza.

(G. Orwell, 1984)

Aleppo: gli USA bombardano la città, ma danno la colpa alla Russia

Due aerei USA A-10 Thunderbolt II hanno eseguito degli attacchi aerei all’interno della città di Aleppo, ma la colpa è stata spostata sulla Russia, secondo fonti militari russe.

Un bombardiere strategico Tupolev Tu-22 M3 della Forza Aerospaziale Russa in fase di atterraggio dopo aver colpito obiettivi ISIS in Siria. © Ministero della Difesa della Federazione Russa / Sputnik

da RT.com.

Due aerei da attacco al suolo dell’aeronautica USA A-10 Thunderbolt II hanno eseguito degli attacchi aerei all’interno della città di Aleppo mercoledì, distruggendo nove strutture, ha riferito il Ministero della Difesa della Russia.

Lo stesso giorno, il Pentagono ha accusato Mosca di aver bombardato due ospedali di Aleppo, mentre non ci sono stati voli russi sulla città.

L’aeronautica russa ha eseguito oltre 500 sortite, eliminando quasi 1.900 strutture terroristiche in Siria tra il 4 e l’11 febbraio. Il Ministero della Difesa riferisce che due alti comandanti terroristici sul campo sono stati uccisi.

«Durante la scorsa settimana, nei giorni dal 4 all’11 febbraio, gli aeroplani del gruppo dell’aviazione russa in Siria hanno fatto 510 sortite durante le quali 1.888 strutture dei terroristi sono state distrutte nelle province di Aleppo, Latakia, Hama, Deir ez-Zor, Daraa, Homs, Al -Hasakah e Raqqah», a quanto riferisce la TASS citando il portavoce del ministero della difesa russo, Igor Konashenkov, in una sua dichiarazione di oggi giovedì.

Fonte: https://www.rt.com/news/332109-russian-jets-isis-warlords/