Ellissi notturne

Fluttuo inconsapevole ed inesistente, inconsistente fantasma in volo sulle ali di un sogno. Cammino passi sospesi  sulla circonferenza della notte.

Il buio entra dalla finestra ed io sono qui a metà, tra l’ essere e il sentire.

Tonfi attutiti di passi di velluto attraversano il buio, leggeri e lontani, eppure cosi vicini.

Il buio si mischia alla luce. Le palpebre aperte sulle ombre fanno rumore.

E nelle orecchie il suono di giochi lontani, di corse e di balzi, di occhi lucenti.

Immobile ascolto la notte che respira sospesa, la guardo che entra nei sogni.

Ora i passi interrotti diventano fusa. Galleggio. La luna e le nubi.

La musica del giorno nascosto nelle tenebre mi culla e cado senza peso sul nulla.

Ascolto il nero profondo e appeso, dai contorni immobili, attratta da respiri vicini che mi accarezzano. Ci passo le dita e li bacio. Con le labbra li sfioro.

Abbracciata al sogno mi perdo mentre piccola piccola  cado sempre piu giu, sempre piu giu lungo spirali di note.

Un mantra risuona. Ecco. La musica mi accarezza la pelle. Un brivido immobile.

La pace e il sogno. Silenzio.

Cammino e mi sciolgo nel nulla del sonno. Dei sogni. Sono una stella che implode.

Ci sono due infiniti che mi confondono: quello nella mia anima mi divora; quello che mi circonda mi schiaccia.

(G. Flaubert)

PicsArt_1457245914724

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...