Effimera fioritura

La vita mi ha sempre fatto pensare a una pianta che vive del suo rizoma: la sua vera vita è invisibile, nascosta nel rizoma. Ciò che appare alla superficie della terra dura solo un’ estate e poi appassisce, apparizione effimera. Quando riflettiamo sull’ incessante sorgere e decadere della vita e della civiltà, non possiamo sottrarci a un’ impressione di assoluta nullità: ma io non ho mai perduto il senso che qualcosa vive e dura oltre questo eterno fluire. Quello che noi vediamo è il fiore, che passa: ma il rizoma perdura. In fondo, le sole vicende della mia vita che mi sembrano degne di essere riferite sono quelle nelle quali il mondo imperituro ha fatto irruzione in questo mondo transeunte. Ecco perché parlo principalmente di esperienze interiori, nelle quali comprendo i miei sogni e le mie immaginazioni. Questi costituiscono parimenti la materia prima della mia attività scientifica: sono stati per me il magma incandescente dal quale nasce, cristallizzandosi, la pietra che doveva essere scolpita. Tutti gli altri ricordi di viaggi, di persone, di ambienti che ho frequentati sono impalliditi di fronte a queste vicende interiori.

(C. G. Jung)

gelsomino

Annunci

18 Replies to “Effimera fioritura”

  1. spezzatino buono, ma la sua bontà distingue in maniera ancora più netta la collocazione del mio piatto… un argomento, infiniti punti di vista.. 🙂

      1. ahahah!… ho questa capacità di servirti tutto su un piatto d’argento… e tu… sempre pronto a raccogliere! 😀
        pppprrrrr

      2. … e come posso darti torto?
        la mia nonna faceva delle montagne che a confronto il Monviso pareva una collina! 😀

      3. … e anche lì… la parte più buona era quella sotto il dito di maionese arzigogolata che stava sopra… e quel sapore… chi lo scorda più!?

    1. Ed è una consapevolezza stupenda. Come stupendo è il lavoro del giardiniere per far fiorire il fiore: mette semi e terra e merda, si sporca le mani. e torniamo al tuo commento precedente e all’ altro post… eheheheh 😀

  2. … rimetto gli occhiali da studentessa… mi ricompongo ( non è vero, faccio finta)…
    quanto è bello guardare il giardino e scovare piccoli germoglio che spuntano, nonostante il buio e il freddo… che ci sono ancora…
    la consapevolezza che nonostante quello ci siano sempre… incanto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...