30. L’ Aderente (Il Fuoco)

“Guarda laggìù,” disse la mia Guida “nella Flatlandia tu hai vissuto, della Linelandia tu hai avuto una visione; con me ti sei innalzato alle altezze della Spacelandia; ora, per completare il quadro della tua esperienza, ti condurrò verso il basso, nelle più oscure profondità dell’esistenza, nel reame di Pointlandia, nell’abisso dell’adimensionale. “Osserva quella miserabile creatura. Quel Punto è un Essere come noi, ma confinato nel baratro adimensionale. Egli stesso è tutto il suo Mondo, tutto il suo Universo; egli non può concepire altri fuor di se stesso: egli non conosce lunghezza, né larghezza, né altezza, poiché non ne ha esperienza; non ha cognizione nemmeno del numero Due; né ha un’idea della pluralità, poiché egli è in se stesso il suo Uno e il suo Tutto, essendo in realtà Niente. Eppure nota la sua soddisfazione totale, e traine questa lezione: che l’essere soddisfatti di sé significa essere vili e ignoranti, e che è meglio aspirare a qualcosa che essere ciecamente, e impotentemente, felici. Ascolta, adesso”. S’interruppe; e in quel momento dalla creaturina ronzante si levò un lieve ticchettio, basso e monotono ma distinto, come da uno dei vostri fonografi di Spacelandia, e io ne distinsi queste parole: “Infinita beatitudine dell’esistenza! Esso è; e non c’è altro al di fuori di Esso”. “Cosa vuol dire con “esso”” dissi io “quella piccola creatura?”. “Vuol dire se stesso” disse la Sfera. “Non hai notato prima di ora che i bambini e le persone infantili, che non sanno distinguere fra se stessi e il mondo, parlano di sé alla Terza Persona? Ma taci”. “Esso riempie ogni Spazio,” continuò la piccola Creatura nel suo soliloquio “e quello che Esso riempie, Esso è. Quello che Esso pensa, Esso lo dice; e quello che Esso dice, Esso lo ode; ed Esso è Pensatore, Parlatore, Ascoltatore, Pensiero, Parola, Audizione; è l’Uno, e tuttavia il Tutto nel Tutto. Ah, la felicità, ah, la felicità di Essere!”.”Perché non gli apri gli occhi, a quel cosino, in modo che la finisca col suo compiacimento?» dissi io. “Digli che cosa è in realtà, come lo hai detto a me; rivelagli le anguste limitazioni della Pointlandia, e conducilo verso qualcosa di più alto”. “Non è facile,” disse il mio Maestro “provaci tu”. Al che, levando alta la voce, dissi al Punto così: “Silenzio, silenzio, Creatura spregevole! Tu ti chiami il Tutto nel Tutto, e invece sei il Nulla: il tuo cosiddetto Universo non è che un puntolino in una Linea, e una Linea non è che un’ombra in confronto a…”. “Sss, sss! hai detto abbastanza,” m’interruppe la Sfera “ascolta ora, e nota l’effetto della tua arringa sul Re di Pointlandia”. Il luccicore del Monarca, che rifulgeva più che mai mentre ascoltava le mie parole, mostrava chiaramente che la sua compiacenza di sé non era stata intaccata; e io non avevo ancora terminato che egli riprendeva il suo ritornello. “Ah, la gioia, ah, la gioia del Pensiero! Cosa non può Esso ottenere grazie al Pensiero! Il suo proprio Pensiero che a Se stesso si rivolge, insinuando il disprezzo di sé solo per esaltare la Sua felicità! Dolce ribellione suscitata per finire in trionfo! Ah, il divino potere creativo del Tutto nell’Uno! Ah, la gioia, la gioia di Essere”. “Vedi” disse il mio Maestro “quanto poco hanno potuto le tue parole. Nella misura in cui il Monarca riesce ad afferrarle, egli le accetta come sue (poiché è incapace di concepire altri all’infuori di se stesso) e si vanta della varietà del Suo Pensiero come di un esempio di Potere creativo. Lasciamo questo Dio dì Pointlandia al godimento ignorante della propria onnipresenza e onniscienza: niente che tu o io possiamo fare può scuoterlo dal compiacimento che prova di se stesso.”

(E. A. Abbot, Flatlandia)

Il sole e la luna aderiscono al cielo; grano, erba e alberi aderiscono alla terra. Cosi la doppia chiarezza dell’ uomo di valore aderisce al giusto e per questo può plasmare il mondo. Nel mondo l’uomo è condizionato e non indipendente, ma avrà riuscita se riconosce questi limiti e accetta la sua dipendenza dalle forze armoniose e buone dell’ universo.

(I Ching, Il Libro dei Mutamenti)

arancione

Annunci

7 thoughts on “30. L’ Aderente (Il Fuoco)

    1. Prego mon cher… i casi della vita… l’ arancione simboleggia l’ energia e cosa meglio del fuoco dell’ esagramma 30. che brucia e dl il meglio di se in funzione della legna che arde? Nessuno di noi dovrebbe sentirsi un punto… siamo tutti figure a più dimensioni che si intersecano gli uni con gli altri. Ci vuole umiltà per avere il massimo dei benefici 😀 Oggi insegna… 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...