Trama ed ordito

Sera. Giornata pesante. Sono qui e penso ai fili mente la mia  mente si avvita come un filo attorno alla spoletta di un fuso.

Fili che uniscono. Fili senza fine. Fili colorati che uniscono altri fili dando vita al tessuto.

Fili immaginari che uniscono persone diverse tra loro e danno origine a relazioni. Fili sospesi nell’aria che uniscono idee nuove con vecchie e danno origine al pensiero che si dipana attraverso il tempo.

Fili e fili…

Siamo fatti di fili. Con i fili.

Fili che ci muovono come marionette o che noi tiriamo. Fili dei discorsi che perdiamo. Fili di Arianna che seguiamo per trovare la via ed uscire dal labirinto. Fili sui quali camminiamo. Fili tirati sul baratro o disegnati sull’ asfalto per un ironico equilibrio. Fili tagliati dalle Parche. Fili tessuti insieme da Penelope.

Eccola… il rumore e la magia di una navetta che attraversa la bocca dei fili dell’ ordito, avanti e indietro, su e giù lungo il proprio piano dimensionale…e, in un ordine apparentemente confuso, una battuta dopo l’altra, costruisce un disegno che nulla è se non il prodotto dell’incrocio tra trama ed ordito. Colori, immagini e figure sorgono dal nulla di un filo senza capo né coda.

Così è la vita, penso… fatta di innumerevoli fili che mi avvolgono  come un baco nel suo bozzolo di seta.

Fili che si intersecano e si legano l’un l’altro in un disegno che sarà bello e brutto a seconda del filo che ho usato, del suo titolo, della battuta del pettine che lo ha legato e compattato alle altre trame ed all’ ordito.

Filo che non è più filo ma è taffetas, chiffon, crespo, raso, velluto, cady, tela o altro.

Solo tessuto che ora balla e danza all’unisono di tutti i fili che contiene.

Per quanto ci addentriamo nel tessuto e nella vita non possiamo riconoscere nessun filo fondamentale ma solo una complessa ed uniforme intersezione dei vari fili del tutto che siamo.

E che il vento solleva per aria facendo danzare.

Annunci

17 Replies to “Trama ed ordito”

  1. Ho letto volentieri questo tuo sdipanarti tra i fili della vita e mi hai ricordato due racconti: “Càriti” ed “Il gioco del filo di lana” di un autore poco conosciuto…
    Complimenti, mi è piaciuto molto!

      1. Ciao, ormai buon pomeriggio.
        Oggi tipica giornata di cacca, spero giungano presto le 17,00.
        Non hai trovato i racconti? Ahahahahahah non li trovi perché li ho scritti io e non li ha mai letti nessuno… 🙂

  2. Fili sottilissimi e fragili, ma abbastanza resistenti da far convogliare il burattino di turno dove il maestro vuole. Però… 🙂

    1. Buongiorno 🙂 pero…? Ogni tanto c’e un burattino che come pinocchio scopre di avere un anima e allora segue il filo che lo porta alla scoperta di se, fuori dal labirinto… E allora si ritrova in carne e ossa, umano e nn piu d legno… 😀 fili… 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...