Hirundo rustica

Anche quest’ anno son tornate le rondini. Ormai sono trent’ anni e forse più che tornano a casa dei miei genitori per occupare gli stessi nidi, non ricordo se due o tre, sotto il portico fuori casa. Ogni autunno, poi, se ne partono per attraversare il continente ed andare a svernare in Africa; è il momento nel quale mio padre sistema l’ assicella che sorregge i “rami intrecciati” così che possano affrontare l’ inverno e farsi trovare, a primavera, abitabili e pronti.

Mi è impossibile dimenticare le estati della mia infanzia e della mia giovinezza con le rondini sui fili della luce o a caccia di insetti nella luce del tramonto, con i gusci delle uova rotte a terra e i rondinini incauti che imparavano a volare.

Mi è impossibile dimenticare il loro garrire nelle corse veloci contro il cielo blu.

Anche quest’ anno, dunque, son tornatele rondini.

Nonostante la fatica, nonostante alcune siano morte, nonostante l’ inquinamento, nonostante l’ uomo, nonostante tutto.

I Buddhisti chiamano questo mondo di mutamento incessante samsara, che significa, letteralmente, “incessantemente in moto”, e affermano che in esso non c’è nulla cui valga la pena di attaccarsi. Quindi, per i Buddhisti un essere illuminato è colui che non si oppone al flusso della vita, ma che ne segue il movimento. Quando al monaco Yun-man della scuola Ch’an fu chiesto: “ Che cos’è il Tao?”, egli rispose semplicemente: “Cammina!”. Di conseguenza, i Buddhisti chiamano il Buddha anche il Taghagata, ovvero “colui che viene e quindi va”. Nella filosofia cinese, la realtà che fluisce e muta continuamente viene chiamata il Tao ed è vista come un processo cosmico nel quale sono coinvolte tutte le cose. Come i Buddhisti, i Taoisti dicono che non bisognerebbe opporre resistenza al flusso, ma si dovrebbero conformare ad esso le proprie azioni. Questo, d’ altra parte, è l’ atteggiamento caratteristico del saggio, cioè dell’ essere illuminato. Se il Buddha è colui “che viene e quindi va”, il saggio taoistaè colui che “fluisce”, come dice Huai Nan-tzu, “nella corrente del Tao”.

( F. Capra, Il Tao della fisica)

Annunci

13 thoughts on “Hirundo rustica

    1. me la ricordo questa bellissima delirica… un anno fa quasi. ‘nvedi a cosa mi attaccherò? Allo sciacquone (scritto giusto?) e tirerò forte… Sarà sito in aeroporto… fare come le rondini? 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...