Haiku (45.2016)

Grinze e macchie.

Nel flusso incessante

Nasce e muore.

PicsArt_1461092947774PicsArt_1461092992855PicsArt_1461093064432

Annunci

Si o No

La vera Libertà non è poter dire di sì, ma è riuscire a dire No.

(Cit.)

La libertà è proprio lo stato del non dover scegliere.

(J. Khrisnamurti)

azzurro

 

Arcano XVII (Le Toille)

Puoi percorrere qualsiasi sentiero. Se sei sincero e autentico, raggiungerai la meta. Alcuni sentieri possono essere ardui, altri più facili; alcuni possono essere immersi nel verde, altri possono attraversare deserti; alcuni possono aprirsi su panorami meravigliosi, altri non averne alcuno, ma questa è un’altra storia. In ogni caso, se tu sei sincero e onesto, autentico e vero, allora ogni sentiero conduce alla meta.

Pertanto ogni cosa può essere ridotta a qualcosa di elementare: l’autenticità è il sentiero. Non importa quale sentiero tu segua; se sei autentico, ogni sentiero porta alla meta. Ed è vero anche l’opposto: non importa quale sentiero tu segua; se non sei autentico, non arriverai da nessuna parte. La tua autenticità ti riporta a casa, non serve altro. Tutti i sentieri sono qualcosa di secondario; la cosa essenziale è essere autentici, essere veri.
(Osho)

Il Sole (My lovely friend Paola G. devoted)

Io sono un atomo del raggio del sole, Tu sei per me il Sole…

L’Amato risplende come il sole e l’innamorato danza come un atomo.”

(Rumi, Canzone di amore per Dio)

PicsArt_1461042282885

Poi che son servo del Sole vi parlerò del Sole;

notte non sono, né adoratore delle notti, non parlerò di sogni.

Come messaggero del Sole e suo interprete,

segreti messaggi prenderò da lui e vi porterò la risposta.

E poi che vado come sole, brillerò su rovinati deserti,

fuggirò dai luoghi abitati, parlerò deserte parole.

Assomiglio alla vetta di un albero lontano dalla radice:

pur ristretto in secca corteccia, parlerò di succoso midollo.

Se pur son mela secca son più alto d’un albero;

anche se ebbro e sconvolto, dico parole veraci!

Da quando il mio cuore ha sentito il profumo della polvere della

sua soglia,

ho vergogna anche della polvere sua, non parlo che d’acqua

purissima!

Togliti il velo dal volto, ché il volto hai glorioso!

Non permettere ch’io debba parlarti come sotto ad un velo!

Se hai il cuore di pietra, io son pieno di fuoco qual ferro;

se assumi trasparenza di cristallo, io parlo di calice e vino!

Poi che nato sono dal Sole come il Re Qobad antico,

non sorgerò nella notte, non parlerò di chiaro di luna.”

(Rumi, Poesie mistiche)