Una sera, tornando a casa

ilmagodiozblog

Lunedi finito e torno a casa.

Non mi dispiace lasciare Milano come non mi dispiace camminare lenta per le vie del centro. Cerco di cambiare itinerario tutte le sere, o quasi, ma l’ inerzia e l’ abitudine uniti alla stanchezza sono zavorre ai piedi.
Milano mi scorre addosso: non la amo e non la odio, solo non ci potrei mai vivere. Anche se amo le vie storiche ed i tram sferraglianti, detesto i bancari ed i businessmen nella loro falcata veloce, le loro conversazioni al cellulare mentre camminano ed i loro badge appesi al collo.

Non mi piacciono neanche i turisti che affollano le piazze a qualunque ora. Tutto questo mi da l’impressione di una città da “mangiare”, da fagocitare e da usare anziché da “gustare” piano. Puoi mangiare compulsivamente ingerendo tutto in fretta senza pensarci e puoi invece mangiare consapevolmente gustando i sapori e le differenze di sostanze che…

View original post 367 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...