Arcano I ( Il Mago)

 The_Magus

E’ tempo di guardare, se permetti a te stesso di ricevere lo straordinario dono di sentirti “ a casa”, ovunque ti trovi. Non esisti in quanto frutto del caso, l’esistenza ha bisogno di te.
Se tu mancassi nessuno potrebbe sostituirti. L’intera esistenza sentirebbe la tua mancanza.
Questa consapevolezza ti dà una gioia ed un appagamento immensi, poiché senti di essere in relazione con l’esistenza ed essa si prende cura di te.

(Osho)

 

Annunci

Riflessione sottovoce

“Amare” è uno stato che coinvolge completamente.

Non si può amare un uomo, una donna o il proprio cane odiando altri uomini o il resto della specie animale. E ciò, ammesso che l’ odio rappresenti il contrario dell’ amore, del che non son certa.

Quando si ama si ricerca l’ armonia con se stessi e con l’universo che ci circonda, con tutti i piani della nostra esistenza.

Si creano e si lanciano ponti tra gli estremi attraverso la com-passione e la bellezza.

Nella vita si sceglie.

L’odio è molto più difficile da fingere dell’amore. Si sente parlare di un amore falso, ma mai di un odio falso.

(Nassim Nicholas Taleb, Il letto di Procuste)

PicsArt_1464275752297

La conchiglia

CONCHIGLIA

Nulla assolutamente nulla
è nato,
muore, la conchiglia ripete ancora
e ancora
dal profondo della sua cavità.
Il suo corpo
spazzato dalla marea -e allora?
Dorme
nella sabbia, asciugandosi al sole,
bagnandosi
sotto la luna. Nulla a che fare
con il mare
od altro. Ancora
e ancora
svanisce con l’onda.
(S. Takahashi)

ilmagodiozblog

PicsArt_1464271976682

View original post

26 maggio

La bellezza è un bene fragile.

(Publio Ovidio Nasone)

Ventotto anni fa mi sposavo per la prima volta. Vestita in un assurdo tailleur rosa ed un ancora più buffo cappello di paglia blu “davo il la” al valzer della vita che mi ha portata ad essere ciò che sono e che non so dove mi porterà. Vero è che mi sento più giovane e bella, ancorché più fragile, ora di quanto lo fossi allora. Il tempo… il tempo galoppa e ci segna imponendoci continue esperienze legate alla dimensione nella quale siamo imprigionati, piccoli esseri che siamo e che anelano ad un “per sempre” che non raggiungiamo mai. Poi abbiamo il nostro tempo, quello interiore, cosi bello e fragile fatto di attimi sospesi come gocce di un arcobaleno che fluttuano senza dimensione nel cielo infinito di un’ esistenza senza confini temporali e spaziali.

Tante speranze bruciate da vent’anni di liti ed incomprensioni, ripicche e, come unica grandissima gioia, una figlia meravigliosa che rappresenta, lei si, il ponte sull’ eternità della vita. La continuazione, l’ eterno divenire di fragili speranze. L’ eredità. L’ unico vero e solo futuro che possiamo lasciare: parti migliori di noi stessi, semi trasportati dal vento per perpetuare ciò che di meglio si cela nella nostra anima.

Ed ora, dopo tanti anni e tante capriole e salti avanti e indietro, un messaggio: “ti va di farmi vedere le foto di Sofia?”… ed il cerchio si chiude, anzi la curva della spirale si innalza per divenire un fragile e meraviglioso processo di divenire di qualcosa che sembrava morto. La bellezza dell’ amicizia.

PicsArt_1464206183887