Rosso

“Canzone al vino”

Il vino raggiunge la bocca
E l’amore raggiunge gli occhi,
Questa è la sola verità che ci è dato conoscere
Prima di invecchiare e morire.
Sollevo il bicchiere alle labbra,
Ti guardo e sospiro...

(W. B. Yeats)

PicsArt_1464617174351

 

Annunci

L’ inquietudine

A torto si guarda all’inquietudine come ad una condizione interiore preoccupante e potenzialmente pericolosa. Non parliamo, ovviamente, dell’inquietudine legata a circostanze contingenti e travagliate, per esempio al senso di colpa per una cattiva azione commessa, o all’incertezza per un evento minaccioso che ci viene incontro, o – ancora – alla difficoltà di prendere una decisione difficile, penosa, che ci vede obbligati a scegliere tra due mali. Parliamo invece dell’inquietudine come condizione esistenziale e legata a un’intima esigenza di cambiamento, di rinnovamento, di superamento, da una condizione chiusa e frustrante verso una di la libertà, apertura, realizzazione. L’inquietudine esistenziale è il segno di una intensa vitalità dell’anima, che non si accontenta della banalità del quotidiano e aspira a una meta degna dei suoi sforzi e dei suoi ardori (Giordano Bruno parlava di “heroici furori”)

(Francesco Lamendola)

Saranno il tempo e le continue “burrasche” nel cielo, segni di un’ estate che non si decide ad arrivare, oppure la sensazione di stare dove non si dovrebbe essere.

Sarà l’ emicrania continua, latente e fastidiosa che non lascia in pace ed acuisce sensibilità e sensi.

Sarà l’ inquietudine di fondo della crisalide costretta nel bozzolo.

Sarà che la pazienza è la lezione che devo imparare.

Mi sento come un roseto fradicio di pioggia quando invece dovrebbe risplendere nel sole, e cosi cede i suoi colori all’ acqua che li riflette mischiandoli  quelli dell’ universo.

Inquietudine e pazienza.

Una goccia, una lacrima appesa al rosso tra cielo e terra.

Dare ad ogni emozione una personalità, ad ogni stato d’animo un’anima.

(F. Pessoa)

PicsArt_1464613884192PicsArt_1464613955737

 

 

Scegliere (adoraincertablog devoted)

Creando l’uomo a Sua immagine, Dio lo ha fatto potente quanto Se stesso. Ma allora perché egli si mostra così debole? Perché ignora dov’è la sua forza. La sua forza non sta nella sua capacità di esigere, di imporsi, ma nel suo potere di dire “no”. Ciò significa che nessuno al mondo può costringerlo a fare ciò che non vuole fare. Se anche tutto l’Inferno si alleasse contro di lui per obbligarlo ad agire contro la sua volontà, non potrebbe costringerlo. E neppure Dio può costringere l’uomo! Perciò, se sapesse dov’è la sua vera potenza, l’essere umano resisterebbe a tutte le seduzioni, a tutte le tentazioni, e non commetterebbe nessuna cattiva azione. Se è debole e commette errori, è perché vi acconsente.
Gli spiriti tenebrosi del mondo invisibile hanno il potere di tentare l’uomo e di metterlo alla prova. È Dio Stesso che ha dato loro questo potere. L’uomo, però, ha sempre il potere di dire “no” al male. È l’ignoranza della propria origine divina a renderlo così debole.

(O. M.  Aivanhov)

PicsArt_1464459170192

Metafora

Noi crediamo di sapere qualcosa delle cose stesse, quando parliamo di alberi, colori, neve e fiori e tuttavia non disponiamo che di metafore delle cose, che non esprimono in nessun modo le essenze originarie.
(Friedrich Nietzsche)
PicsArt_1464535632402

Soprusi

Non c’è destra o sinistra, giusto o sbagliato quando si sta dalla parte del “potere”: c’è solo il sopruso, piccolo o grande che sia.

Il potere non è un mezzo, è un fine. Non si stabilisce una dittatura nell’intento di salvaguardare una rivoluzione; ma si fa una rivoluzione nell’intento di stabilire una dittatura. Il fine della persecuzione è la persecuzione. Il fine della tortura è la tortura. Il fine del potere è il potere.

(G. Orwell, 1984)

La menzogna diventa verità e passa alla Storia.

(G. Orwell, 1984)

http://www.survival.it/notizie/11286

Survival International ha appreso che una compagnia francese del legname, partner ufficiale del WWF (World Wildlife Fund), sta disboscando un’enorme area di foresta nel Camerun sud-orientale senza il consenso dei “Pigmei” Baka locali, che hanno vissuto e gestito quella terra per generazioni.

Rougier viene descritta come una “compagnia forestale e commerciale integrata” e come un grande “gestore di foreste” in un comunicato stampa e un rapporto del WWF. Sta abbattendo alberi in un’area quantificata in circa 600.000 ettari, estensione superiore a quella permessa dalla legge camerunense.