Wisteria

PicsArt_1466591157162

L’ aroma sottile
di fiori sconosciuti
da ignote piante fiorite!

(M. Basho)

Perché il glicine della Cina (Wisteria sinensis) ha i rami che si avvolgono da sinistra a destra in senso contrario alle lancette dell’orologio e il glicine del Giappone (Wisteria floribunda) si avvolge invece all’inverso da destra a sinistra?

Si deve sapere che tutti i rampicanti che sono originari dell’emisfero boreale (nord) si avvolgono in senso antiorario e tutti quelli che sono originari dell’emisfero australe (sud) si avvolgono in senso orario. È lo stesso senso di rotazione che ha l’acqua quando si apre il tappo di una vasca. Al nord gira in senso antiorario e al sud in senso orario. Questo fenomeno è causato dalla rotazione terrestre.

Ma il Giappone si trova nell’emisfero nord fra il 30° e il 45° parallelo e allora perché i glicini giapponesi si avvolgono in senso orario? Perché il Giappone, qualche milione di anni fa si trovava nell’emisfero sud poi come una zattera ha navigato sulla crosta terrestre verso nord alla velocità di qualche centimetro all’anno senza mai inabissarsi nell’oceano attraversando zone tropicali e subtropicali per arrivare adesso in una zona temperata. Il percorso è stato cosi lento che ha dato tempo alle piante di adattarsi via via alle diverse condizioni di clima.

Questo spiega la grande diversità che c’è nella flora spontanea giapponese rispetto alle vicine Corea e Cina. E spiega anche i tanti terremoti che ci sono in quella terra dato che la lunga marcia continua tutt’oggi. E i glicini? Nel loro DNA c’è evidentemente marcato di avvolgersi in senso orario e continuano a farlo anche se da tanto tempo si trovano nell’emisfero nord.

http://www.wisteria.it/curiosi.htm

 

Annunci

Sentirsi margherita

Capita a volte di sentirsi margherita, quella a cui vengono strappati i petali per puro e semplice divertimento. O noia. O domande inutili.

Mamma, ho bisogno entro domani del certificato anamnestico per la patente…” e tu tiri giù il medico dal letto per pietirgli un certificato, tanto a te  non dice di no…

Mamma, ho bisogno di cambiare il biglietto aereo, torno non più il 23 ma il 30. Ho troppe cose da fare qui…” e tu fai esplodere il call center dell’ agenzia viaggi on line (perché acquistando on line si risparmia…) finché non ti danno retta, fanno il cambio e ti accettano il pagamento con la carta di credito del tuo ex-marito perché mentre eri in linea col call center, sul cellulare supplicavi lui di lasciartela usare che poi gli avresti dato i soldi in contanti, guadagnandoci…

Emanuela, mi son dimenticato il telepass e la viacard. Mi fa un sms domani mattina? Ma entro le sette e mezza… A proposito ho un pacco a Brescia che va a Torino, ci pensa lei vero?”  e tu prepari già il messaggio, mentre sei in linea con l’ennesimo call center… l’ altra volta era Piero e non ci hai capito niente, anzi ti ha trattata da scema. E intanto cerchi quest’ altra carta di credito.

Occhio a non confonderti che poi il pacco arriva a Capoverde e ritirano la patente al tuo ex-marito, lasci qualcuno senza telepass e ti tocca pagargli la multa.

Un petalo al secondo: m’ ama… non m’ ama.

PicsArt_1466582779249