31 luglio

Menoquarantadue, domenica.

Domenica lenta e ovattata nel temporale che rumoreggia da questa notte brontolando sopra alle nuvole, mentre l’ acqua calpesta gli alberi ed i fiori con secchiate e scrosci improvvisi.

Non c’è fretta e sembra quasi non esserci il tempo, solo attimi sospesi nel rumore delle ultime gocce che cadono.

Silenzio. Vuoto. Assenza. Strano come tutti questi tre termini possano assumere significati positivi e negativi. Possano essere un bene ed un male senza smettere di svestire la loro natura.

Cerchiamo tutti un centro.

Buona domenica.

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=16722

 

Seeds

Ognuno è responsabile di ciò che accade e ha il potere di decidere che cosa vuole essere. Quello che siete oggi è il risultato delle vostre decisioni e scelte passate. Quello che sarete domani sarà il risultato delle vostre azioni di oggi.

(Swami Vivekananda)

picsart_1469863924246.jpg

30 luglio

La speranza è quella cosa piumata
che si posa sull’anima
canta melodie senza parole
e non smette mai.

(Emily Dickinson)

Menoquarantatre, sabato.

La casa tace, anche le gazze del giardino dormono, nessuna auto lungo la strada in fondo, oltre il parco. Ed io sono qui sveglia a pensare ai contorni che assumeranno gli affetti che mi hanno accompagnata in questi ultimi quattro anni di vita. Le spalle mi fanno male. Sono immensamente stanca. Non so cosa mi aspetta e non ho aspettative. Mi accompagnano certezze. E speranze leggere. Ho meditato tanto ed in un giorno ho deciso. Strade che si scelgono e vie che si imboccano. Compagni di viaggio che rimangono e relazioni che si trasformano in mille modi.

Vivere. Appesi come bacche, profumati come fiori, svolazzanti come farfalle, pungenti come zanzare, laboriosi come api, perseveranti come formiche. Luminosi come perle d’acqua. Nei colori della vita o su uno sfondo nero. Lungo il margine di un arcobaleno.

2016-07-29_10-28-32

 

Il senso della vita

Nulla due volte accade
né accadrà. Per tal ragione
si nasce senza esperienza,
si muore senza assuefazione.
Anche agli alunni più ottusi
della scuola del pianeta
di ripeter non è dato
le stagioni del passato.
Non c’è giorno che ritorni,
non due notti uguali uguali,
né due baci somiglianti,
né due sguardi tali e quali.
Ieri, quando il tuo nome
qualcuno ha pronunciato,
mi è parso che una rosa
sbocciasse sul selciato.
Oggi, che stiamo insieme,
ho rivolto gli occhi altrove.
Una rosa? Ma cos’è?
Forse pietra, o forse fiore?
Perché tu, malvagia ora,
dai paura e incertezza?
Ci sei  perciò devi passare.
Passerai e qui sta la bellezza.
Cercheremo un’armonia,
sorridenti tra le braccia,
anche se siamo diversi
come due gocce d’acqua.
(Wislawa Szymborska, “Nulla due volte accade”)
Con infinito affetto, tanta gioia condita ad un pochino di tristezza, speranza, forza ed infinita voglia di vivere.
Alle mie bellissime e coraggiose donne che non nomino una per una per non dimenticarne nessuna.
Ma loro sanno.
PicsArt_1469796481344 

Last Friday

Menodue, menoquarantaquattro.

Strana la sensazione legata alle abitudini destinate a cambiare, alla routine che finisce. Oggi è cosi e domani sarà altro. È come se camminassi su un sentiero a strapiombo sulla valle: sotto il panorama, il mondo; davanti la strada da percorrere mentre, ad ogni passo cambia tutto.

Paura, eccitazione, incertezza, libertà.

Nulla e tutto.

La carampana ha il reflusso gastrico. Il treno sobbalza. I pensieri volano liberi.

Oggi mi togliero qualche piccola e perfida soddisfazione.

Last Friday, ultimo giorno di lavoro.

Essere o non essere. Sassolini che scappano dalle scarpe.

E cosi ricopro la mia nuda perfidia con antiche espressioni a me estranee rubate ai sacri testi e sembro un santo quando faccio la parte del diavolo.

(W. Shakespeare, Riccardo III)

29 luglio

Le possibilità illimitate non sono fatte per l’ uomo. Cosi la sua vita non farebbe altro che dissiparsi nell’ illimitato. Per diventare forte, l’ uomo deve istituire volontarie barriere di doveri. Solo circondandosi di queste barriere e imponendosi liberamente la norma del dovere, ogni uomo acquista valore quale spirito libero.

(60. Chieh – La Delimitazione, IChing, Il Libro dei mutamenti)

PicsArt_1464956447441