Help!

Non riesco più a caricare nuove foto dal tablet.

Eppure ne ho fatte di bellissime…

A qualcuno è mai capitato?

HELP

💙💚💛💜

Annunci

Quote challenge: Day One

Ringrazio moltissimo la mia amica Viki di https://tramineraromatico.wordpress.com per questo bellissimo tag.

Adoro Viki e la sua prorompente energia.

Per cominciare, non lo so, io faccio fatica a fare le nomine… chi vuole partecipare si faccia avanti!

Poi riporto le due semplici regole per partecipare:

1) scrivere per tre giorni (non necessariamente consecutivi) tre citazioni che condividete prese da libri, films, canzoni, ecc.

2) nominate a vostra volta tre bloggers

Ecco le mie ” quotes” di oggi, scelte perché mi toccano nel profondo.

È per questa ragione che, come introduzione, inserisco un bellissimo pensiero, quasi ad esorcizzare il dolore che la perfidia e la cattiveria porta.

La compassione è la più importante e forse l’ unica legge di vita dell’ umanità intera

(F. Dostoevsky)

* * *

La cattiveria nasce da sentimenti negativi come la solitudine, la tristezza e la rabbia. Viene da un vuoto dentro di te che sembra scavato con il coltello, un vuoto in cui rimani abbandonato quando qualcosa di molto importante ti viene strappato via.
(H. Murakami)

La cattiveria è degli sciocchi, di quelli che non hanno ancora capito che non vivremo in eterno.
(Alda Merini)

Ma badate bene, cittadini, che non sia questa la cosa più difficile, ossia sfuggire alla morte, ma che molto più difficile sia sfuggire alla malvagità. Infatti, la malvagità corre molto più veloce della morte.
(Socrate)

PicsArt_1462559177496

Ambra

Pelle d’ambra,
scorgo la tua anima
affiorare in superficie,
nitida e trasparente
come perla d’avorio disciolta,
come d’acqua i giochi
che gli occhi incantano.
Pelle di luna,
mutano i colori
le tue forme aride
di siccità piovosa,
gli arabeschi fantastici
sono linguaggio della terra
e nel tuo mandala
ritrovo me stesso.
Pelle di cuoio,
landa desertica:
utopica città,
distopica vita;
ancora quei fiumi scorgo
convergere alla fonte
e là, dove la foglia finisce,
comincia l’albero.
Scivolo sulla tua pelle
già riarsa di sole e tempeste
di tempo e pazienza,
la tua bellezza nasce dai giochi
che l’acqua combina con la luce
nelle informi opere di saggezza
che la tua anima candida
produce nel senno degli uomini.

©arlo becattini

PicsArt_1467274816662