Il senso della vita

Nulla due volte accade
né accadrà. Per tal ragione
si nasce senza esperienza,
si muore senza assuefazione.
Anche agli alunni più ottusi
della scuola del pianeta
di ripeter non è dato
le stagioni del passato.
Non c’è giorno che ritorni,
non due notti uguali uguali,
né due baci somiglianti,
né due sguardi tali e quali.
Ieri, quando il tuo nome
qualcuno ha pronunciato,
mi è parso che una rosa
sbocciasse sul selciato.
Oggi, che stiamo insieme,
ho rivolto gli occhi altrove.
Una rosa? Ma cos’è?
Forse pietra, o forse fiore?
Perché tu, malvagia ora,
dai paura e incertezza?
Ci sei  perciò devi passare.
Passerai e qui sta la bellezza.
Cercheremo un’armonia,
sorridenti tra le braccia,
anche se siamo diversi
come due gocce d’acqua.
(Wislawa Szymborska, “Nulla due volte accade”)
Con infinito affetto, tanta gioia condita ad un pochino di tristezza, speranza, forza ed infinita voglia di vivere.
Alle mie bellissime e coraggiose donne che non nomino una per una per non dimenticarne nessuna.
Ma loro sanno.
PicsArt_1469796481344 

Last Friday

Menodue, menoquarantaquattro.

Strana la sensazione legata alle abitudini destinate a cambiare, alla routine che finisce. Oggi è cosi e domani sarà altro. È come se camminassi su un sentiero a strapiombo sulla valle: sotto il panorama, il mondo; davanti la strada da percorrere mentre, ad ogni passo cambia tutto.

Paura, eccitazione, incertezza, libertà.

Nulla e tutto.

La carampana ha il reflusso gastrico. Il treno sobbalza. I pensieri volano liberi.

Oggi mi togliero qualche piccola e perfida soddisfazione.

Last Friday, ultimo giorno di lavoro.

Essere o non essere. Sassolini che scappano dalle scarpe.

E cosi ricopro la mia nuda perfidia con antiche espressioni a me estranee rubate ai sacri testi e sembro un santo quando faccio la parte del diavolo.

(W. Shakespeare, Riccardo III)

29 luglio

Le possibilità illimitate non sono fatte per l’ uomo. Cosi la sua vita non farebbe altro che dissiparsi nell’ illimitato. Per diventare forte, l’ uomo deve istituire volontarie barriere di doveri. Solo circondandosi di queste barriere e imponendosi liberamente la norma del dovere, ogni uomo acquista valore quale spirito libero.

(60. Chieh – La Delimitazione, IChing, Il Libro dei mutamenti)

PicsArt_1464956447441