Esagramma 24. Il ritorno (La svolta)

Ciò che alla fine deve contrarsi, all’inizio deve espandersi.
Ciò che alla fine deve indebolirsi, all’inizio deve essere forte.
Ciò che alla fine deve essere scartato, all’inizio deve essere abbracciato.
Ciò che alla fine deve essere ottenuto, all’inizio deve essere dato.
Ecco ciò che si chiama intuizione sottile.
Il morbido vince il duro.
Il debole vince il forte.

(Lao Tzu, Tao Te Ching)

Cose vecchie vengono eliminate, cose nuove introdotte; e tutto corrisponde al tempo e perciò non reca alcun danno. Si formano associazioni di persone con idee affini. E questo aggregarsi avviene pubblicamente; esso corrisponde alla situazione del tempo e perciò ogni aspirazione particolaristica risulta esclusa; né queste unioni danno luogo ad alcun errore. Il ritorno è inerente al corso della natura. Il movimento è circolare, e l’orbita è conchiusa. Non c’è quindi bisogno di precipitare le cose con artifici: tutto viene da sé, quando il tempo è maturo. Questo è il Tao doi cielo e terra.

(IChing, Il Libro dei Mutamenti)

PicsArt_1470411521969

Annunci

2 thoughts on “Esagramma 24. Il ritorno (La svolta)

  1. Good morning Lady, seguo la sua ‘metamorfosi’ con empatia. Le lascio questo scritto augurandomi che le possa servire nelle sue riflessioni: “La virtù superiore non si ritiene virtù, per questo ha virtù. La virtù inferiore non perde la virtù, per questo non ha virtù. La virtù superiore non fa e non ha fini. La virtù inferiore fa e ha fini. L’umanità superiore fa e non ha fini. La giustizia superiore fa e ha fini. L’etichetta superiore fa e, se non ci si conforma, snuda le braccia e mena le mani. Perciò, perduta la via poi venne la virtù; perduta la virtù poi venne l’umanità; perduta l’umanità poi venne la giustizia; perduta la giustizia poi venne l’etichetta. Ora l’etichetta è un sottile velo di fedeltà e sincerità, e il principio del disordine. La prescienza è il fiore della via, e anche l’inizio della stoltezza. Perciò il grande adulto
    si attiene al solido e non si ferma al sottile, si attiene al frutto e non si ferma al fiore. Perciò scarta quello e sceglie questo”. Lao-Tzu (Tao Teh.Ching). With my best regards and wishes. Yours sincerely… 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...