24 settembre

ilmagodiozblog

È indescrivibile la poesia di una fotografia in biancoenero.

È indescrivibile come le sfumature di grigio possano essere cosi sature di azzurri e di rossi.

È indescrivibile come le nuvole “pesino” nella loro inconsistenza bicolore ed il cielo nella sua immensità attraverso la gradazione di due misure che, miscelate, producono musica e vento. Suono e rumore.

È indescrivibile come lo sguardo si perda e l’animo si faccia piccolo di fronte al miracolo di un cielo senza confini.

E forse il più bell’ immenso è un cielo in biancoenero, come una foto d’altri tempi, col vuoto ed il pieno. E gli estremi che si toccano.

Il poeta è come il principe delle nuvole
Che abituato alla tempesta ride dell’arciere;
esiliato sulla terra fra gli scherni,
non riesce a camminare per le sue ali di gigante.

(Charles Baudelaire)

picsart_09-24-12-06-56

View original post

Annunci

6 Replies to “24 settembre”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...