Destiamoci

Senza la dignità, l’identità viene cancellata.
(Laura Hillenbrand)

(…) Non so voi ma io comincio a essere stanco. Parecchio. Perché già non accetto che un non eletto come Moscovici, che farebbe meglio ad occuparsi dei disastri di Deutsche Bank, visto il suo ruolo in seno alla Commissione, venga a dare aiutini al governo fantoccio di turno affinché non caschi ma la moratoria sul dissenso è davvero troppo. Parlano di derive autoritarie e fasciste questi signori, quando attaccano Orban od Hofer ma non ti permettono di esprimere le tue idee: direi che la contraddizione è palese.

Tanto più che il beneficiario dell’aiuto non è esattamente uno statista, è uno che ieri mattina, visitando una scuola, ha proferito questa frase: “Se fossi un mago come Harry Potter, vorrei una scuola più aperta, più attenta alle barriere architettoniche e in cui si facesse più sport”.
Ora, qualcuno può dirgli che in fatto di riforma della scuola, un premier ha più potere e facoltà di intervento di Harry Potter, per favore? Ma si sa, lui la riforma della scuola l’ha già fatta, la sua è una buona scuola. Talmente buona che stiamo assistendo al record di cattedre vuote, in compenso chi la cattedra ce l’ha, di ruolo e vicino casa, è la moglie del premier, Agnese, insegnante a Firenze. Strano, abbiamo assistito per settimane alle proteste di chi, per non perdere posti in graduatoria, si è trasferito da Oristano a Biella e, invece, guarda caso, la signora Renzi deve andare solo da Rignano a Firenze. E dubito con i mezzi pubblici.

Taccio, per carità di patria, sulla questione banche ma c’è poi la vicenda migranti, altro argomento a forte rischio di condanna per populismo. Chiedo a Moscovici: posso essere non felicissimo se nel prato vicino casa mia bivaccano immigrati clandestini che usano l’erba per attività ricreative come spargimento della pipì e lancio degli escrementi? E’ la stessa erba in cui giocano bambini e cammina mia madre per andare a fare la spesa: mettiamo in Costituzione che pestare le deiezioni dei clandestini porta bene e la chiudiamo così? Sono nuove discipline olimpiche per l’Ue?

Non capisco, però, come mai uno come Moscovici, commissario agli Affari economici, non sia più interessato al fatto che nelle statistiche italiane venga conteggiato come nuovo occupato anche chi lavora un’ora al giorno, magari pagato con il voucher o un ticket restaurant ma io sono un populista e quindi la mia mente non è aperta e raffinata come quella dei feldmarescialli di Bruxelles. Posso non sparare i mortaretti dalla gioia, se queste persone i loro bisogni li fanno en plein air, spesso mostrando anche il loro reale augello migrante alle signore, avanzando profferte sessuali non proprio degne di un galantuomo? Ad occhio e croce, se sotto casa Moscovici qualcuno provasse anche soltanto a slacciarsi la patta, finirebbe a Guantanamo ma altrove no: altrove, sotto casa mia o casa vostra, i campi profughi a cielo aperto vanno bene e sono benedetti dalla Commissione, la quale permetterà al governo di sforare il 3%, in ossequio alla prosecuzione del business per le cooperative. Ma si sa, dire certe cose è populismo e l’Ue si offende tantissimo.

Una cosa posso però farla, anzi due. Continuare a denunciare queste cose, usando come arma la tastiera e scrivere un “no” grande come una casa sul referendum. E non perché mi freghi qualcosa del Senato o del CNEL ma perché questa Europa la si sconfigge in un modo solo, segando le gambe delle sedie su cui poggia le terga, cioé i governi fantoccio come quello italiano. Perché la pazienza è una virtù importante ma quando arriva il momento di mandare a fare in culo qualcuno o qualcosa, tocca farlo. Anche solo per dignità.

Dopo i governi tecnici, arrivano le scomuniche Ue per i populisti. Ma mandarli a fare in culo, no?

Annunci

5 thoughts on “Destiamoci

  1. Queste sono purtroppo tutte persone incapaci di comprendere i veri problemi, perché di problemi loro non ne hanno.
    Si può spiegare a qualcuno che in un mese guadagna ciò che gli altri guadagnano in un anno, che a volte non si arriva a fine mese? Interessa a qualcuno che sta inchiodato su una poltrona piena solo di diritti e pochissimi doveri, il contratto rinnovato (forse) ogni 2 mesi magari al minimo del minimo?
    Come si dice dalle mie parti “è inutile spiegare la fame a chi ha la pancia piena”.

    1. È anche peggio secondo me… è voluto fino all’ultimo disagio che ognuno di noi, comuni mortali e contribuenti e consumatori, subiamo. Per questo bisogna cominciare a difendere la propria dignità con un NO.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...