Povera patria

Italia, pupo di pezza contro la Russia

Centoquaranta soldati italiani sono stati comandati di presidiare in Lettonia il confine con la Russia. E’ un atto di ostilità verso Mosca. Obbligata dall’Alleanza atlantica l’Italia è costretta, per quel che vale, a fare da pupo di pezza contro una nazione europea, contro il mondo di Anna Karenina e dei Fratelli Karamazov, contro la patria di San Nicola, nonché terra bagnata dal martirio. Ed è una cosa che, dovendo far ridere (quello fa l’Italia), fa pena.

http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=57416

Annunci

13 thoughts on “Povera patria

  1. La cosa che fa più pena ancora è che, teoricamente, dovremmo difendere dei paesi, come quelli baltici e pure la Polonia, che non ne vogliono assolutamente sapere di aiutarci ad ospitare dei profughi, lasciandoceli tutti sul groppone a noi… E noi dovremmo sacrificarci per loro? Per paesi così solidali da sfruttare il boicottaggio contro la Russia per farci concorrenza ed acquisire nuove fette di mercato con prodotti contraffatti e latte di contrabbando… Ma si sa che: quando mamma America chiama, i soldatini italioti accorrono…
    Un saluto ed un fiore…

    1. Già… e l interesse di mamma america (o della parte peggiore di essa) viene prima di tutto. Anche del “nostro” e dei nostri valori. Della nostra integrità. Ma quale? Hanno svenduto tutto per un piatto di lenticchie, forse neanche. Idioti

      1. Mai disperare: anche i granelli, talvolta hanno la loro importanza: quando scivolano giù nella clessidra, oppure inceppano il più perfetto dei meccanismi…
        Un sereno sabato anche a te con un sorriso di sole…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...