Il gioco dell’Oca

Il simplicissimus

maria-elena-boschi-721508_tnMaria Elena Boschi non sarebbe mai dovuta diventare ministro e se il Parlamento negli anni non si fosse trasformato in una miserabile barberia, nemmeno avrebbe dovuto fare il deputato vista la sua inesistente cultura politica e cultura in senso lato. Però se questo suona irrealistico nell’Italia cialtrona e corrotta di oggi, è certo che anche nelle condizioni degrado morale, avrebbe dovuto abbandonare la poltrona dopo lo scandalo Banca Etruria nella quale aveva un diretto coinvolgimento familiare. Invece non è accaduto, anzi l’oca non giuliva ha avuto il coraggio, l’impudenza  e l’ottusità di lamentarsi di non essere stata difesa abbastanza dal guappo ganzo di Palazzo Chigi, il che rende giustizia ai versi di “Bartali”: Le donne a volte sì sono scontrose/ O forse han voglia di far la pipì. Certo il premier, consapevole dell’enorme danno arrecato alla residua credibilità di un governo incredibile dall’affaire delle banche  le ha messo accanto un tutore il sottosegretario alla Presidenza…

View original post 459 altre parole

Annunci

2 Replies to “Il gioco dell’Oca”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...