Sbarak Oboomerang

Questo è un golpe di fatto, e deve essere fermato. [Alessandra Daniele]

Mentre Obama sbaracca, la pacchiana cena di propaganda alla Casa Bianca conclude la sua disastrosa presidenza su una nota particolarmente squallida.

Come Verdini e Alfano anche Obama sostiene la riforma renziana.

L’appoggio del Supercazzaro degli Stati Uniti uscente, anzi ormai quasi uscito, potrebbe però essere controproducente per il sì almeno quanto quelli della Merkel, e della finanza internazionale.

La riforma renziana, che sapeva chiaramente di sóla fin dall’inizio, adesso ha la stessa credibilità d’un farmaco consigliato da una ditta di pompe funebri.

Non ci sono più dubbi su chi siano i mandanti di Renzi: abbiamo le rivendicazioni.

Anche il fronte opposto ha purtroppo qualche Captain Boomerang, Monti, D’Alema, Brunetta, la Suicide Squad del no: un gruppo di bastardi costretti dalle circostanze a combattere dalla parte giusta, contro un bastardo ancora peggiore. Per quanto sia difficile immaginarsi Giorgia Meloni nei panni di Harley Quinn, la vittoria del no rimane comunque più che mai necessaria.

L’endorsement di Obama al si di Renzi è infatti direttamente condizionato all’impegno militare italiano in Libia e in Lettonia.

Il no alla truffaldina riforma renziana è quindi anche un indispensabile no alla dissennata deriva neocoloniale.

Un no alla guerra.

Non a caso una delle modifiche, della quale il governo non parla, riguarda proprio l’articolo 78, che cambierebbe così:

«Art. 78. – La Camera dei deputati delibera a maggioranza assoluta lo stato di guerra e conferisce al Governo i poteri necessari».

Con l’Italicum, il partito che vince il ballottaggio ottiene automaticamente la maggioranza assoluta alla Camera, quindi sia il governo, che il potere esclusivo di dichiarare guerra indisturbato come un monarca assoluto.

Questo è un golpe di fatto, e deve essere fermato.

Per la prima volta da anni un nostro voto potrà davvero fare la differenza. E non certo per merito dell’attuale classe dirigente, è la Costituzione che vuole rottamare a prevedere questo obbligatorio passaggio referendario, un fail safe che Renzi non è riuscito ad aggirare, benché ci abbia provato col Patto del Nazareno.

Per la prima, e probabilmente ultima volta abbiamo l’occasione di scaraventare la Boschituzione – Coostituzione Boschi – nel cassonetto dell’indifferenziata al quale appartiene, e liberarci d’un governo di cazzari arroganti, incapaci, guerrafondai, completamente asserviti alla finanza internazionale e all’industria bellica, che è diventato anche fisicamente pericoloso. Perdere questa occasione per noi sarebbe il vero suicidio.

(23 ottobre 2016)

Link articolo © Alessandra Daniele © Carmilla online.

Scheggetaglienti è il blog personale di Alessandra Daniele

http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=126732&typeb=0&sbarack-oboomerang

Annunci

10 thoughts on “Sbarak Oboomerang

    1. Di tanti no: al loro modo di vivere, dimoensare e di sentire. alla loro mancanza di valori. alla loro informazione. alle loro regole. si comincia con un piccolo passo… buin sabato 😄😄😄

  1. Ho letto un solo SI al referendum tra i contatti che ho in rete e una generale diffidenza verso la proposta renziana. È anche la mia!
    I motivi sono molto differenti e stranamente simili sia a dx che a sn, fatto raro. Voterò no senza dubbio, un primo passo dici tu ma basterà? Sono convinto che la Costituzione sia ormai inadeguata, che sia troppo” interpretabile” , che in certi diventi un alibi o un freno alle dinamiche sociali e civili ma una Costituzione che abbia per padri Renzi Boschi e Verdini….non è digeribile.

    1. Domanda difficile enzo. Qst NO non deve rimanere un no di protesta verso un accolita di ladri e servi. Fatti fuori loro credo ce ne siano tanti altri pronti a prenderne il posto. il NO vero credo sia un no morale e di valori: no ai loro sistemi, no alla loro immoralita, alla loro mancanza di valori, alle loro guerre di conquista e distruzione, alla loro “neolingua”, ai loro inganni. Per la maggior parte di noi deve essere la presa di consapevolezza che solo cambiando noi stessi possiamo cambiare il mondo. consapevolezza che il valore di un NO implica la scelta dell alternativa. come possono renzi e la boschi e c. darci nuovi valori di vivere e di civiltà per basare lo spirito civile? altro discorso è l obsolescenza di “valori fondanti”. Occorre prima dignità. L italia rifiuta la guerra… che stanno facendo? neanche nell interesse dell italia (ammesso che possa essere ammisdibile) ma per quello di banche e commercianti di guerra e speculatori di dolore e poverta. è ora di dire basta… buon sabato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...