Percosse ed idiozia

Dal momento che siamo in guerra con la Russia, o meglio che il giornalismo dei comprati e venduti pensa di dover obbedire a questa criminale chiamata alle armi, non passa giorno che la lingua così attentamente e morbidamente usata per la carriera, diventi improvvisamente guizzante e biforcuta quando si tratta di Mosca. E poiché di schifezze ormai […]

via Depenalizzata la presa per i fondelli dei media — Il simplicissimus

Annunci

Salviamo le menzogne vere

mi sembra inutile intavolare polemiche, a buon intenditor poche parole e per tutti gli altri non ne basterebbero oceani. Chi non vuole essere complice può e dovrebbe reagire boicottando facebook, google e i suoi servizi, youtube, twitter, media mainstream, messenger, whatsapp e quant’altro è stato studiato per spiarvi, analizzarvi e controllarvi, anche e soprattutto in ciò […]

via Et voilà: la censura è servita, ovvero “Salviamo le menzogne vere” — Senza Filo

Libertà

In che misura l’uomo è libero? Ecco un tema sul quale pensatori e teologi non smettono di discutere da secoli senza riuscire a mettersi d’accordo, e questo perché pongono male la questione. La libertà non è una condizione data o meno all’uomo una volta per tutte. Invece di chiedersi: «Io sono libero?», ciascuno deve capire che la sua vita presente è la conseguenza della sua vita passata, ed è impossibile tornare sul passato per modificarlo. Ognuno deve subire, digerire il passato, ed è ciò che fa nel presente. È per l’avvenire che si è liberi; il presente dà solamente le possibilità di creare il futuro che si desidera.
Ecco come va posta la questione della libertà. Sapendo che sin da ora possiamo determinare il nostro avvenire, noi ci prepariamo a diventare sempre più padroni del nostro destino e già non subiamo più il presente: lo modelliamo.

(O. M. Aivanhov)

dig

Dai che domani è sabato…

… rassettiamo giusto il dovuto poi prendiamo la macchina fotografica e si va via a catturare l’ attimo fuggente…

Un raggio di sole, un riflesso, una smorfia di Argo o una papera che dondola sull’ acqua.

Fissare le immagini, i colori e le luci.

Concentrare il tempo dell’ eternità in un clic.

“Cogli la rosa quando è il momento,
ché il tempo lo sai che vola…
e lo stesso fiore che oggi sboccia
domani appassirà.”
(Walt Whitman)

ilmagodiozblog

picsart_01-27-08-54-48

View original post

Sofia devoted

Tu mi ricordi una poesia che non riesco a ricordare
una canzone che non è mai esistita
e un posto in cui non devo essere mai stato

(Efraim Medina Reyes)

fb_img_1485330063318

24 gennaio

ilmagodiozblog

Buon compleanno amore mio.

wp-1485210615092.jpg

LA STRADA CHE NON PRESI

di Robert Frost

Due strade divergevano in un bosco giallo
e mi dispiaceva non poterle percorrere entrambe
ed essendo un solo viaggiatore, rimasi a lungo
a guardarne una fino a che potei.

Poi presi l’altra, perché era altrettanto bella,
e aveva forse l’ aspetto migliore,
perché era erbosa e meno consumata,
sebbene il passaggio le avesse rese quasi simili.

Ed entrambe quella mattina erano lì uguali,
con foglie che nessun passo aveva annerito.

Oh, misi da parte la prima per un altro giorno!
Pur sapendo come una strada porti ad un’altra,
dubitavo se mai sarei tornato indietro.

Lo racconterò con un sospiro
da qualche parte tra anni e anni:
due strade divergevano in un bosco, e io –
io presi la meno percorsa,
e quello ha fatto tutta la differenza.

(Robert Frost)

View original post

La fotografia

La foto era scura l’immagine sbiadita pareva la rappresentazione del ricordo accennato Ti ho vista sfocata spiegacciata come tra le mani di un amante geloso e forse tradito Alle tue spalle la notte nero che cola sulla emulsione fotografica macchiandomi le mani Sei rimasta sola in controluce sulla carta bianca e non ti ho vista […]

via La fotografia — Poesie Stralciate