The sound of silence

Visto che l’ oca è piaciuta propongo a chi vuol partecipare, e magari non frega niente a nessuno e me lo faccio io in macchina stasera mentre torno, un nuovo koan.

Battendo le mani l’una contro l’altra si produce un suono. Qual è il suono di una sola mano?

Vi ricordo che il koan non ammette una soluzione intellettuale e la risposta non ha alcun rapporto logico con la domanda.

E, come ben dice Wikipedia… anche se questi Koan possono apparire sciocchi e assurdi, ognuno di essi riflette il grande koan della vita, dato che per lo Zen il problema della vita è di superare le due alternative dell’affermazione e della negazione, che oscurano entrambe la verità. E, così come un koan non si può “afferrare” trovandoci una soluzione, la vita stessa non può essere “posseduta” dall’individuo, e che quindi bisogna lasciar andare la vita, cioè accettarla come vita, come qualcosa che non è di proprietà di nessuno.

Vi auguro una giornata splendente di luce e gioia.

Annunci

55 thoughts on “The sound of silence

  1. Facciamo che le battiamo insieme….il suono prodotto sara’ il lasciar andar via due vite..simultaneamente.

  2. non farlo in macchina, mi raccomando mani ferme sul volante! Non vorrei che il koan poi ti faccia salire il premio assicurativo il prossimo anno. ‘Ste compagnie assicurative le studiano tutte per farti scucirti più soldi 😉

  3. non hai mica torto, in fondo veniamo al mondo senza chiederlo e ce ne andiamo senza volerlo, come non bastasse, nel nostro passaggio terreno ci ritroviamo pure costretti a subire regole e dottrine scritte da uomini per controllare altri uomini.

    1. Ciao. Benvenuto 😊 A priori penso ci sia un disegno evolutivo che siamo liberi di accettare o di rifiutare. La vita in fondo è un grande koan e volerlo capire attraverso la ragione non so quanto serva. Meglio il cuore e l intuito. O forse l accettazione che non significa rassegnazione… vale per me sempre un bellissimo pensiero di aivanhov…. 😊

      1. mi fa piacere dialogare con una brillante interlocutrice agli antipodi delle mie concezioni. Serve tutto e serve niente, siamo nelle lande soggettive, quindi ogni interpretazione della vita in grado di rasserenare è bene accolta.

      2. Ahahah ti ringrazio. Credo nelle differenze e nelle individualità che si confrontano. Solo cosi possiamo crescere. E il mio motivo ricorrente da qualche giorno: gli opposti e la necessita per loro di ricongiungersi anziche contrapporsi. È un grande piacere anche per me. 😊😊😊

      1. Pura questione di sopravvivenza: come fai a difenderti dalle zanze se non schiaffeggiando l’aria? Non puoi mica proporre alle zanze di fare cin cin…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...