La vera Amicizia non è quella di FB

Un Facebook-dipendente mi ha detto: ho fatto 500 amicizie e in un giorno: io non le ho fatte in 86 anni. Ma quanti amici può davvero avere un essere umano?. Risposta: 150. Non di più. È questo il Numero di Dunbar: ovvero, la quantità massima di persone che possono far parte del nostro paesaggio emotivo. Andare oltre sarebbe un esubero, uno spreco di tempo.

(Zygmunt Bauman)

Oggi mentre me ne stavo sul divano ad occhi chiusi col gatto ascoltavo un tipo parlare dell’ amicizia e di come la vera amicizia non sia quella di alienarsi e dimenticare i problemi attraverso un approccio di puro consumismo di sentimenti e atteggiamenti nei confronti della vita e dei problemi, quanto la propria e l’ altrui realizzazione attraverso lo scambio continuo di idee ed emozioni. Chaimalo se vuoi empatia, energia positiva e costruttiva. Io sono su Facebook, sono su Linkedin e soprattutto su EyeEm, e penso di essere una persona estramamente social. Cionondimento non voglio confondere questi strumenti con le vere relazioni… queste sono finestre sul mondo e non certo il Mondo. Facebook in particolare è, secondo me, uno strumento pericolosissimo per chi lo usa al fine della costruzione della propria immagine… un po’ come chi usa il blog per dare un immagine di se che non è ciò che realmente è ma solo la facciata di ciò che si vorrebbe essere. È anche per questo che mi sto allontanando dal mondo del blog per concentrarmi sulle mie fotografie. Immagini che trasmettono e scambiano emozioni, scevre da tante parole che non servono a nulla.

La verità sta nell’ intuizione e nell’ indescrivibile anziché in papiri filosofeggianti che di vera filosofia non hanno nulla.

Boh… riflessioni da domenica piovosa….

Annunci