Living and loving

In primavera centinaia di fiori

In autunno una luna del raccolto

D’estate una brezza fresca

D’inverno ti accompagna la neve

Se non hai la mente ingombra di cose inutili

ogni stagione è per te una buona stagione.

(Poesia zen)

The Jackfruit
I am like a jackfruit on the tree.

To taste you must plug me quick, while fresh:

the skin rough, the pulp thick, yes,

But oh, I warn you against touching –

the rich juice will gush and stain your hands.

(Ho Xuan Huong)

Annunci

4 aprile (-15)

ilmagodiozblog

Gli ultimi post e la fatica dell’ esprimermi a parole mi stanno portando sempre di più a voler comunicare attraverso le immagini, le mie foto.

E allora, accanto all’ attivita (anche commerciale) su EyeEm ho pensato di creare una “mostra virtuale” su facebook, mezzo che mi concede maggior flessibilità rispetto a wordpress.

In questi giorni nascera dunque, grazie all’ esperienza su wp e all’ amore per la fotografia la mia pagina facebook “Viandante d’ emozioni”.

Non è tecnica fotografica e non è perfezione d’ immagine, io mi sento proprio cosi: in cammino, emozionandomi.
Sono una principiante entusiasta, piena di pecche e difetti, che cerca la magia nella Bellezza che avvolge il quotidiano.
E li, celata sotto la superficie dell’ apparenza e la patina grigia della quotidianità gioco a spostare la focale del mio sguardo: catturare un fiore che sboccia, una sfumatura di rosso, il riflesso di una goccia d’acqua o una…

View original post 49 altre parole

2 aprile (-17)

La beatitudine è equilibrio.

(Osho)

Beatitudine è stare un sabato pomeriggio a cercare il bianco delle piume di due oche, il riflesso di un raggio di sole, un barlume di soddisfazione negli occhi. Passi su selciati antichi. Angoli nascosti nel tempo.

Sentire i ciliegi che si spogliano del rosa in una nuvola di petali sollevata dal vento. Vederli che cadono a terra e tra i capelli leggeri ed inconsistenti sullo sfondo del lago immobile.

Un’ anatra che si presta, impassibile, ad essere ritratta in ogni modo. Le sfumature delle sue piume catturate dall’ obbiettivo, il riflesso della gioia nei suoi occhi di volatile, l’ acqua del lago che si muove piano.

Tempo sospeso nella dimensione dell’ equilibrio tra quello che desideri e ciò che sei, tra ciò di cui hai bisogno e ciò che ti trovi tra le mani, momenti da godere ed assaporare piano mentre plachi l’ ansia e lasci scorrere attraverso il tempo che rallenta il suo vorticare.

Un passo, poi un altro

E poi un altro ancora

Sul filo che congiunge

Tutti gli orizzonti.

(Equilibristasquilibrato)

(Le fotografie parlano per me e le parole diventano inutili architetture alle emozioni. Trovate le immagini che amo sul mio profilo EyeEm: la gioia di condividerle è mia)