– 191

Mancano 191 giorni a poi sarò nonna e, all’ ombra del numero palindromo,  mi interrogo silenziosamente su quanto sto rincoglionendo mentre condivido la foto della creatura con le innumerevoli zie che si ritroverà. E via un diluvio di urletti ed emoticon whatsappate.

Non so quanto sia ingrassata mia figlia né se soffra ancora di nausee… capita a tutte, mica bisogna far le vittime, le dico… perché tutto il mio amore è per quell’ essere grande come un kiwi. Non ho doveri educativi io, ma solo ed esclusivamente egoistici e ludici perché dovrò difenderla dal mondo e farla stare talmente tanto bene perché possa essere l’ essere più schifosamente felice del mondo.

Guardo l’ ecografia e mi commuovo come e più di quello che ho mai fatto con quelle dei miei figli.

Mi guardo allo specchio e mi stupisco di ritrovare il senso di maternità che pensavo di aver smarrito in conseguenza all’ ultimo crash automobilistico di Giacomo.

Mi dico che sarà femmina (per forza) con la pelle ambrata del padre e gli occhi cerulei del trisavolo. I capelli ricci e ribelli ed il carattere di merda della madre. Che nessun nonno o genitore avrà il diritto di dividerla con me. 

Che io e lei ci sfonderemo di struscio sotto il cielo della Milano più bella. Vicine vicine, passeggino alla mano dilapideremo patrimoni in gelati e giostre negandoci ai telefoni ed ai messaggi di chiunque possa intralciare il nostro cavalcare la vita.

Cosi cool e cosi zen da fare invidia.

Mi sa che è meglio che mi riposi e che da domani riprenda a far mio il pensiero di altri.

Annunci