– 174

Disse un filo d’erba a una foglia d’autunno: «Fai un tale rumore cadendo! Spargi di qua e di là tutti i miei sogni invernali». Disse indignata la foglia: «Tu, nato in basso, che in basso vivi! Piccolo stizzoso, senza canti! Tu non vivi nella regione superiore dell’aria e non puoi esprimere né suoni né canti». Poi la foglia d’autunno giacque sulla terra e s’addormentò. E quando fu primavera, si risvegliò: – ed era un filo d’erba. E quando ritornò l’autunno e il sonno dell’inverno fu sopra di lei, e su di lei per tutta l’aria intorno cadevano le foglie, mormorò tra sé: «Queste foglie d’autunno! Fanno un tale rumore! Spargono e disperdono tutti i miei sogni.

(Kahlil Gibran)

PicsArt_10-14-03.37.48

Annunci