I nuovi tiranni

Il simplicissimus

118236820_oSpesso siamo quasi trascinati dal linguaggio, dalla semantica e dalle attribuzioni automatiche di valore come fossero binari del discorso e viaggiamo veloci senza accorgerci di essere su rami morti che non portano da nessuna parte o dove stazionano i convogli dei pensieri senza riuscire né a tornare indietro né ad andare avanti.  Per esempio sono quaranta anni che sento magnificare la democrazia come uno degli elementi destinati a rendere più difficili la guerra dovendo avere comunque un consenso esplicito al massacro: ora può darsi che in anni lontani, prima che la democrazia stessa divenisse un fatto eminentemente formale, questo fosse almeno in parte vero, ma oggi  somiglia a una barzelletta: basti soltanto pensare che il recente attacco alla Siria, potenzialmente in grado di scatenare un conflitto globale, preso sulla base di pretesti fabbricati ad arte, senza alcun attacco o minaccia diretta, senza alcun mandato dell’Onu è stato atuato senza il…

View original post 599 altre parole

Il passaggio dei sensi (Equilibristasquilibrato inspired)

Dove finisce l’onda

e dove inizia il mare?

Dove finisce il corpo

e dove iniza l’ombra?

Dove finiscono le tenebre

e dove iniza la luce?

Le parole respirano fuori dalla loro cornice

i sensi si increspano e si distendono

simili a un oceano di un cerchio

il cui centro è inesitente.

Non siamo altro che una

delle probabilità dell’esistenza.

La nostra vita

è un buffo insieme di dubbi

un equivoco di possibilità concesse.

Mi rivolgo a ciò che è informe

procedo verso il nascondiglio.

Quando cercherò di raccogliere l’esperienza?

Come potrò trovare l’imbarcazione

nell’annullamento del tempo e dello sviluppo che retrocede?

La luce non ha forma

l’onda non ha confini

l’io non ha facciate

la passione non ha orizzonti.

Sii luce

onda

passione.

Sii te stesso.

(A’isha Arna’ut)

PicsArt_04-09-09.35.16

0 (tondo come un Uovo)

Come un Uovo con la sorpresa oggi è arrivata mia nipote. Inizio e Fine.

Estelle Maria nasce alle 15.55 (14.55) del Primo Aprile Duemiladiciotto, giorno di Pasqua e Pesce d’ Aprile, sotto il segno dell’ Ariete e con ascendente in Leone.

Non ho trovato parole migliori di queste per accompagnarla nel viaggio della vita, aiutata da mamma e papà, sorellina, bisnonni, nonne, nonni, zii e uno stuolo di zie che hanno vissuto con noi la lunga giornata che l’ ha vista arrivare tra le nostre braccia.

Benvenuta piccola Luce!